sabato 10 dicembre | 20:22
pubblicato il 21/mag/2013 15:20

Crisi: Cgia Mestre, ad oggi perse 85.000 imprese artigiane e commerciali

(ASCA) - Roma, 21 mag - Dall'inizio della crisi (gennaio 2008) ad oggi (l'ultimo dato disponibile e' riferito al 31 marzo 2013) abbiamo perso quasi 85.500 unita' imprenditoriali costituite da artigiani e da piccoli commercianti. I numeri sono stati elaborati dalla CGIA di Mestre su dati Infocamere-Movimprese. Se all'inizio della crisi questi due settori contavano complessivamente quasi 2.369.000 aziende, cinque anni dopo si sono attestate poco sopra i 2.283.000 unita'. Tra gli artigiani, in particolar modo, si e' registrata una vera e propria ecatombe: tra le 85.500 imprese che non ci sono piu', ben 77.670 (pari al 90,9%) erano imprese artigianali.

Nell'ultimo trimestre la moria e' continuata ad aumentare: tra il 31 dicembre dell'anno scorso e il 31 marzo di quest'anno ci ritroviamo con 27.800 imprese in meno. ''I lavoratori autonomi - segnala Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre - una volta chiusa l'attivita' si trovano per strada. A differenza dei lavoratori dipendenti, gli artigiani e i commercianti non possono usufruire di nessun ammortizzatore sociale. La cassa integrazione - sia essa in deroga, ordinaria o straordinaria - piuttosto che la mobilita' sono istituti dati in esclusiva ai lavoratori dipendenti. Per chi possiede una partite Iva, invece, una volta chiusa l'attivita' si apre da subito l'inferno della disoccupazione''.

Nonostante i dati della nati-mortalita' riferita al totale delle aziende presenti in Italia continua essere positivo (al 31-12-2012 il saldo e' stato pari a +18.911), il problema rimane la disoccupazione che, purtroppo, continua a crescere.

Cio' vuol dire che a chiudere sono le realta' imprenditoriali strutturate e con dipendenti, mentre ad aprire sono, in buona parte, micro aziende costituite quasi esclusivamente dal titolare.

''La contrazione del numero delle piccole attivita' artigianali/commerciali - conclude Bortolussi - va ricercata anche nella forte contrazione registrata in questi ultimi anni dai consumi delle famiglie. Queste attivita' imprenditoriali vivono quasi esclusivamente della domanda interna. Se quest'ultima crolla molte attivita' sono destinate alla chiusura. Per questo auspichiamo che il Governo scongiuri l'aumento dell'Iva previsto per il prossimo mese di luglio. Se non dovesse essere cosi', le saracinesche che nei prossimi anni resteranno abbassate per sempre continueranno ad aumentare in maniera preoccupante''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina