mercoledì 18 gennaio | 21:33
pubblicato il 13/apr/2013 12:40

Crisi: Cgia, l'attuale piu' grave di quella del '29. Serve governo forte

Crisi: Cgia, l'attuale piu' grave di quella del '29. Serve governo forte

(ASCA) - Roma, 13 apr - Gli effetti negativi della crisi economica che stiamo vivendo in questi ultimi anni sono piu' pesanti di quelli registrati negli anni Trenta: basti considerare che se tra il 1929 e il 1934 la contrazione degli investimenti in Italia fu del 12,8%, tra il 2007 ed il 2012 il calo e' stato del 27,6%, cioe' piu' del doppio rispetto a quanto accaduto 80 anni fa.

A dirlo e' la Cgia di Mestre che chiede ''la formazione di un governo forte e autorevole'' dopo aver messo a confronto l'andamento di alcuni indicatori economici censiti nei periodi 1929-1934 e 2007-2012. In linea con quello degli investimenti anche il dato del Pil dimostra che, a livello aggregato, la ricchezza prodotta dal paese al netto dell'inflazione durante la crisi degli anni Trenta diminui' del 5,1%, laddove tra il 2007 e il 2012 la contrazione e' stata del 6,9%. Cosi', il Pil pro capite durante la grande crisi scese dell'8,6% a fronte del calo del 9,4% registrato in questi ultimi anni. Tendenza invertita, invece, solo per i consumi delle famiglie che reguistrarono la cduta drammatica del 9,4% negli anni Trenta a fronte della diminuzione del 5% di questi ultimi anni.

''La gravita' della situazione - commenta Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre - richiede la formazione di un Governo forte ed autorevole che in tempi brevi inverta la politica economico/fiscale praticata in questo ultimo anno e mezzo. Basta con l'austerita' ed il rigore che stanno provocando un preoccupante aumento della disoccupazione. Bisogna, invece, ridurre le tasse e rilanciare i consumi delle famiglie, altrimenti per la gran parte delle piccole imprese non c'e' futuro''.

Bortolussi osserva, dunque , come ''visto che in Europa nel decennio scorso il 58% dei nuovi posti di lavoro sono stati creati dalle piccole imprese con meno di 10 addetti, se non aiutiamo queste ultime non possiamo sperare di combattere efficacemente la disoccupazione''.

E' chiaro, sottolinea la Cgia, che questa comparazione presenta dei limiti riconducibili all'incompletezza delle statistiche riferite agli anni Trenta. Pertanto, i risultati vanno presi con le molle, anche se ci consentono di realizzare una comparazione che ci ribadisce la gravita' della situazione che stiamo vivendo.

Va altresi' ricordato che in questa analisi sono stati presi in esame gli unici indicatori che potevano essere confrontati e che negli anni Trenta la durata media della vita, la mortalita' infantile, il livello di istruzione, le condizioni abitative, quelle igienico/sanitarie e la ricchezza media delle famiglie non erano minimamente paragonabili a quelle attuali.

com-stt/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina