domenica 04 dicembre | 13:58
pubblicato il 13/mar/2013 12:00

Crisi/ Cgia: Italia maglia nera in Ue nei pagamenti alle imprese

"Sia per pubblica amministrazione sia tra aziende private"

Crisi/ Cgia: Italia maglia nera in Ue nei pagamenti alle imprese

Roma, 13 mar. (askanews) - L'Italia è 'maglia nera' in Europa nei tempi di pagamento alle imprese. Lo afferma la Cgia di Mestre, sottolineando che "nelle transazioni commerciali tra pubblica amministrazione e imprese private i tempi di pagamento medi in Italia sono pari a 180 giorni, ma nella sanità si arriva a pagare anche dopo 4-5 anni, soprattutto al Sud. La media Ue è pari a 65 giorni". Tra le imprese private, invece, "il saldo fattura avviene dopo 96 giorni. Solo in Spagna la situazione è peggiore, mentre il dato medio di pagamento nell'Ue è di 52 giorni, con una punta minima in Germania pari a 35". Sono dati "drammatici e nessuno tra i grandi d'Europa nessuno può vantare un handicap del genere". "Se a questa situazione - dice il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - aggiungiamo la stretta creditizia in atto e gli effetti della crisi economica che continuano a farsi sentire in misura sempre maggiore, la tenuta finanziaria delle imprese, soprattutto quelle di piccola dimensione, è a rischio, con ricadute occupazionali negative facilmente prevedibili". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari