sabato 21 gennaio | 18:55
pubblicato il 15/mar/2014 11:13

Crisi: Cgia, dei 10 mld di tagli a Irpeg 9 saranno spesi per acquisti

Crisi: Cgia, dei 10 mld di tagli a Irpeg 9 saranno spesi per acquisti

(ASCA) - Roma, 15 mar 2014 - Dei 10 miliardi di tagli all'Irpef che a partire dal prossimo mese di maggio ''appesantiranno'' le buste paga dei lavoratori dipendenti italiani con un reddito inferiore ai 25.000 euro, quasi 9 miliardi, stima la Cgia, verranno spesi per fare nuovi acquisti.

La Cgia e' giunta a questo risultato analizzando i dati relativi alla propensione media al consumo delle famiglie degli operai e degli impiegati che beneficeranno dei tagli dell'Irpef. Se le famiglie interessate dalla sforbiciata dell'Irpef manterranno una propensione al consumo media individuata sulla base dell'ultima indagine campionaria che, secondo la Banca d'Italia, e' pari all'88,6 per cento, dei 10 miliardi in piu' che questi italiani riceveranno in busta paga, 8,86 saranno spesi per fare nuovi acquisti, mentre i restanti 1,14 miliardi verranno risparmiati. Quali saranno i settori che beneficeranno di questa ripresa dei consumi? ''Innanzitutto gli alimentari e le bevande - fa sapere il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi -. La spesa per questo settore aumentera' di oltre 2,3 miliardi di euro. Altri 2 miliardi interesseranno i trasporti e quasi 1,3 miliardi gli altri beni e servizi che includono gli acquisti dei prodotti e dei servizi per la cura della persona, i pasti fuori casa, alberghi, etc.

L'abbigliamento e le calzature registreranno un aumento pari a 670 milioni, mentre i mobili e gli elettrodomestici per la casa un incremento di 588 milioni di euro''. Dalla Cgia ricordano ancora che i consumi delle famiglie rappresentano la principale componente del nostro Pil. Nel 2013 i consumi hanno rappresentato il 60 per cento della ricchezza prodotta in Italia (935 miliardi di euro correnti a fronte di un Pil di 1.560 miliardi di euro correnti).

''Dall'inizio della crisi alla fine del 2013 - segnala Giuseppe Bortolussi - i consumi delle famiglie italiane al netto dell'inflazione sono crollati del 7,6 per cento. Cio' vuol dire che la spesa, in valore assoluto, e' diminuita di 66,5 miliardi di euro. A subire la contrazione piu' forte sono stati i beni durevoli: tra il 2007 e il 2013 la contrazione e' stata del 28,1 per cento. Renzi - conclude Bortolussi - ha fatto bene a lasciare piu' soldi in tasca ai redditi piu' bassi. Solo rilanciando la domanda interna abbiamo la possibilita' far ripartire la nostra economia, aiutando anche i lavoratori autonomi, gli artigiani, i commercianti e i piccoli imprenditori che vivono quasi esclusivamente dei consumi dei territori in cui operano''. red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4