lunedì 05 dicembre | 04:18
pubblicato il 28/lug/2011 10:21

Crisi/ Camusso: Serve una scossa, il governo non si rende conto

L'appello dà il segnale di quano sia grave la preoccupazione"

Crisi/ Camusso: Serve una scossa, il governo non si rende conto

Milano, 28 lug. (askanews) - La lettera firmata ieri da tutte le parti sociali "dà il senso della gravità, di cui tutte le parti sociali sono consapevoli ma di cui il governo non si rende conto visto che ha ripreso a parlare d'altro". E' quanto dice il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in un'intervista al quotidiano 'la Repubblica'. Se fosse stato per noi - osserva il numero uno della Cgil - non è da ora che chiediamo al governo di andarsene. La nota (firmata ieri dalle parti sociali, ndr) è frutto di una mediazione ma dà il segnale di quanto sia grave e generalizzata la preoccupazione per questo quadro economico". C'è solo il vuoto - aggiunge la Camusso - Tremonti dopo la manovra è sparito dalla scena. E il governo che dice, che pensa delle azioni della Ue o delle conseguenze della situazione americana?"

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari