domenica 22 gennaio | 15:58
pubblicato il 09/mag/2012 09:23

Crisi/ Camusso: Sacrifici senza speranza portano ai drammi

Molti pensano che questa crisi non avrà fine

Crisi/ Camusso: Sacrifici senza speranza portano ai drammi

Roma, 9 mag. (askanews) - I lavoratori dipendenti e i piccoli imprenditori cominciano a convincersi che i sacrifici di questi anni siano stati inutili. E di fronte alla mancanza di speranza è più facile che chi vive situazioni di difficoltà economiche possa arrivare al gesto estremo di togliersi la vita. Il segretario generale della Cgil, parla in un'intervista a Repubblica dell'escalation di suicidi in Italia a causa della crisi. "Penso che molti - ha detto Camusso - abbiamo cominciato a convincersi che questa crisi non avrà fine. Che i sacrifici di 4 anni sono stati inutili. Se alle persone togli l'orizzonte non puoi stupirti dei drammi. I sacrifici senza speranza sono la formula della disperazione". Per Camusso sono "quattro anni che il popolo dei lavoratori dipendenti e dei piccoli imprenditori fa sacrifici". I gruppi più a rischio sono "chi ha una famiglia da mantenere e i pensionati soli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4