lunedì 27 febbraio | 21:35
pubblicato il 21/gen/2013 10:54

Crisi: Camusso, per salvare Paese partire da creazione occupazione

Crisi: Camusso, per salvare Paese partire da creazione occupazione

(ASCA) - Roma, 21 gen - ''Dobbiamo partire dalla creazione di occupazione per proteggere e salvare il Paese, dalla creazione di lavoro per innovarlo e ammodernarlo''. Lo afferma il Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso in un'intervista contenuta nel primo numero della nuova rivista dell'Autorita' di garanzia sugli scioperi ''I Quaderni della Commissione'' che verra' presentata domani a Montecitorio. Per Camusso ''produrre non puo' significare solo costruire macchine e creare acciaio, che pure sono e saranno importanti, ma deve significare sempre piu' ricerca e innovazione, tutela del territorio e del patrimonio culturale e artistico, turismo e valorizzazione agroindustriale. Per la Cgil - aggiunge -, motori dello sviluppo non sono, come qualcuno pensa, i servizi finanziari ma il riposizionamento del Paese rispetto alle sue risorse''. Il leader della Cgil ricorda quindi le proposte del sindacato. ''Nella prossima conferenza di programma - spiega - proveremo a dare al Paese una diversa prospettiva su cui avviare una profonda riflessione culturale e alla quale riferire le proprie politiche economiche e sociali. Presenteremo un 'Piano del lavoro' con l'ambizione di parlare non solo agli addetti ai lavori ma alla societa' nel suo insieme''. Camusso illustra poi la scelta compiuta dal sindacato nella definizione delle proposte. ''Volutamente - sottolinea - abbiamo ripreso il nome dal piano che la Cgil di Giuseppe Di Vittorio lancio' negli anni '50. Allora, dopo le distruzioni della guerra, la Confederazione offri' all'Italia una via per la sua ricostruzione. Oggi proponiamo il 'Piano del lavoro' convinti che si debba ricostruire il Paese dopo la crisi e l'incuria, non solo economica, ma anche sociale e politica, di questi anni. Siamo partiti da una semplice constatazione: il nostro patrimonio e' questa nostra Italia, un Paese con grandi capacita' innovative, di gente che sa lavorare bene, che ha passione e mette il cuore e l'intelligenza in cio' che produce. Ma anche un Paese - conclude - che vive una profonda crisi, spesso sommersa dalle suestesse fragilita' sociali, dall'abbandono e dall'incuria che spesso travolge il suo territorio''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech