mercoledì 22 febbraio | 00:36
pubblicato il 11/lug/2012 22:00

Crisi/ Camusso contro Monti: No a lezioni democrazia da cooptato

Su concertazione non sa di cosa parla: manca in Italia da 20 anni

Crisi/ Camusso contro Monti: No a lezioni democrazia da cooptato

Roma, 11 lug. (askanews) - "imbarazzante" prendere lezioni di democrazia dal premier Mario Monti, che guida il governo per 'cooptazione' e senza nessun voto popolare. La leader della Cgil, Susanna Camusso, in risposta alle parole di Mario Montiall'assemblea Abi sulle difficoltà dei giovani dovute al ruolo giocato dalle parti sociali in passato, ha attaccto a testa bassa il Premier. "Prendere lezioni di democrazia - ha detto la Camusso a margine dell'assemblea della Filt-Cgil - da chi è stato cooptato e non si è confrontato con il voto degli elettori è un po imbarazzante per il futuro democratico del paese. Farlo poi nella platea delle banche e degli interessi bancari, dentro questa grande crisi, meriterebbe un'ulteriore riflessione". "Il presidente del Consiglio - ha sottolineato - quando fa queste affermazioni non sa bene di cosa sta parlando, perchè vorrei ricordargli che l'ultima concertazionene è avvenuta nel 1993. Quell'accordo fu la modalità che salvò dalla bancarotta il paese, con cui si fece una riforma delle pensioni equa, al contrario di quella fatta dal governo attuale, e che permise al Paese di entrare nell'euro". Il presidente del Consiglio, secondo la segretario generale della Cgil, "non ricorda che dopo arrivò un governo di destra che cancellò la concertazione. Sono vent'anni che non abbiamo concertazione. Fu il governo che introdusse progressivamente le leggi sulla precarietà, di cui la riforma del mercato del lavoro di questo governo è l'ultima tappa". E dunque "quando parla dei giovani dovrebbe pensare a queste leggi. Alle parole della Camusso hanno fatto seguito quelle del Segretario Uil Luigi Angeletti. "Oggi, l'Europa - ha affermato- consiglia il dialogo sociale come strumento per la crescita. Ma il nostro Presidente del Consiglio è più realista del re: pensa di poter salvare l'Italia senza preoccuparsi di salvare gli italiani". E "forse, un ascolto più attento delle aspettative di lavoratori e pensionati ci farebbe uscire dalla crisi, tutti insieme, prima e meglio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia