mercoledì 07 dicembre | 19:32
pubblicato il 16/lug/2013 11:33

Crisi: Calenda, acquisizione aziende italiane non distrugge produzione

(ASCA) - Roma, 16 lug - Le recenti acquisizioni di aziende italiane da parte di gruppi stranieri sono positivi perche' mantengono la produzione e la compagnia in Italia. Lo ha detto il vice ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda, intervenendo alla presentazione dell'edizione 2013 del Rapporto Ice sul commercio estero.

''Bisogna decidere - ha detto Calenda - quale delle due abolire: se siamo in presenza di una 'lesa maesta'' oppure se in Italia ci sono investimenti scarsi. Questi sono investimenti che tengono il know how, la produzione e la testa in Italia. L'importante e' dove sta il corpo e la testa delle aziende''.

''Non c'e' nessuna previsione fosca che vuole che tutte le nostre produzioni saranno spazzate via - ha aggiunto Calenda -, tutto il contrario''.

Sen/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni