lunedì 27 febbraio | 15:57
pubblicato il 16/lug/2013 11:33

Crisi: Calenda, acquisizione aziende italiane non distrugge produzione

(ASCA) - Roma, 16 lug - Le recenti acquisizioni di aziende italiane da parte di gruppi stranieri sono positivi perche' mantengono la produzione e la compagnia in Italia. Lo ha detto il vice ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda, intervenendo alla presentazione dell'edizione 2013 del Rapporto Ice sul commercio estero.

''Bisogna decidere - ha detto Calenda - quale delle due abolire: se siamo in presenza di una 'lesa maesta'' oppure se in Italia ci sono investimenti scarsi. Questi sono investimenti che tengono il know how, la produzione e la testa in Italia. L'importante e' dove sta il corpo e la testa delle aziende''.

''Non c'e' nessuna previsione fosca che vuole che tutte le nostre produzioni saranno spazzate via - ha aggiunto Calenda -, tutto il contrario''.

Sen/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech