lunedì 05 dicembre | 18:20
pubblicato il 12/nov/2013 15:36

Crisi: Bankitalia, segnali positivi ma le prospettive restano incerte

Crisi: Bankitalia, segnali positivi ma le prospettive restano incerte

(ASCA) - Roma, 12 nov - In Italia ci sono segnali qualitatitivi di miglioramento del quadro macroeconomico, lo scrive Bankitalia nel Rapporto sulla stabilita' finanziaria.

''I sondaggi tra le imprese indicano un arresto del calo dell'attivita' produttiva, ma la dispersione delle opinioni e le prospettive restano incerte'', scrive Bankitalia. Nei fatti, segnala Palazzo Koch, si registra, nelle inchieste congiunturali tra le imprese, meno pessimismo, ma questi miglioramenti ''tardano a tradursi in una ripresa della produzione industriale e degli ordini''.

Quanto alle famiglie italiane, dopo cinque anni di crisi, la situazione finanziaria resta nel complesso solida anche per il basso livello di indebitamento, ampiamente inferiore rispetto a quanto accade in altri paesi.

Nel primo semestre del 2013 ''i debiti finanziari delle famiglie sono pari al 65% del reddito disponibile, contro l'80% circa in Germania e in Francia e il 120% in Spagna''.

Nel 2012 le famiglie economicamente vulnerabili, quelle con un reddito inferiore al valore mediano e con un servizio del debito superiore al 30% del reddito, erano il 3% del totale, ''un valore analogo a quello del 2008. Il quadro non sarebbe mutato nel 2013'', e' scritto nel rapporto. Per Palazzo Koch, la percentuale di famiglie vulnerabili potrebbe rimanere stabile al 3% anche nel 2014, ma potrebbe ''aumentare fino al 3,5% in uno scenario molto sfavorevole, in cui il reddito reale continuasse a diminuire e i tassi di interesse a breve termine registrassero un forte rialzo''.

Capitolo a parte, e anche questo all'ombra dell'incertezza, sull'andamento del mercato degli immobili: dopo un biennio di prezzi in flessione, a causa soprattutto della caduta del reddito delle famiglie (-7% in termini reali dalla fine del 2010), l'Outlook di Bankitalia per il settore resta incerto, anche se ''i rischi di ulteriori rapide correzioni dei prezzi, riconducibili alla sopravvalutazione delle case, appaiono ridotti''.

Difficili da decifrare, in particolare, le prospettive a breve termine, sebbene gli agenti immobiliari, pur prevedendo un ulteriore ribasso dei prezzi, nei loro giudizi di medio termine ''sono tornati lievemente positivi''. Per Bankitalia quest'anno i prezzi potrebbero diminuire mediamente del 5%, registrando una modesta crescita nel 2014, sulla quale, peraltro, restano rischi al ribasso.

L'incertezza e' anche ''causata dalla revisione, tuttora in corso, della normativa fiscale potrebbe frenare la ripresa dei prezzi e delle contrattazioni nei prossimi mesi''. A questo, spiega Palazzo Koch, si aggiungera' fino al dicembre 2016, ''l'arrivo a scadenza di 18 fondi immobiliari del comparto non residenziale''.

men/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari