domenica 19 febbraio | 22:22
pubblicato il 12/set/2013 11:34

Crisi: avvocatura Ue, stop vendite scoperto Esma eccede mercato interno

(ASCA) - Roma, 12 set - Il potere di vietare le vendite allo scoperto attribuito all'Esma, l'Autorita' europea di sorveglianza dei mercati creata dopo la crisi finanziaria, ''eccedono le legittime misure di armonizzazione necessarie all'istituzione e al funzionamento del mercato interno''. Lo ha stabilito l'avvocato genrale della Corte Ue, sottolineando che l'Esma ''ha il potere di adottare decisioni giuridicamente vincolanti solo in sostituzione di quelle di un'autorita' nazionale competente, che ben potrebbe trovarsi in disaccordo con la sua decisione''.

Pertanto, secondo l'avvocatura europea ''il risultato non e' l'armonizzazione ma la sostituzione del processo decisionale nazionale con il processo decisionale a livello dell'Unione'' e ''cio' va oltre i limiti posti dall'articolo 114'' dei Trattati Ue.

Quella allo scoperto e' una pratica che implica la vendita di beni e titoli, che non sono di proprieta' del venditore all'atto della vendita, con l'intenzione di ottenere guadagni dal calo dei prezzi dei beni prima della chiusura dell'operazione. rba/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia