lunedì 27 febbraio | 19:52
pubblicato il 13/set/2011 10:42

Crisi/ Arresto recuperi Europa,torna tensione su Btp,sale spread

Milano -0,89% in attesa asta, Parigi di nuovo pesante -2,58%

Crisi/ Arresto recuperi Europa,torna tensione su Btp,sale spread

Roma, 13 set. (askanews) - Niente da fare: si sono già spenti a metà mattina i tentativi di recupero delle Borse europee, partiti sulla scia delle moderate risalite messe a segno ieri da Wall Street. A Milano il Ftse-Mib cede lo 0,89 per cento, mentre Londra accusa un meno 0,95 per cento, Parigi meno 2,58 per cento, Francoforte meno 1,47 per cento. Da ieri si fanno sentire pesanti tensioni su diverse grandi banche della Francia, che zavorrano i rispettivi titoli e gli indici parigini, mentre in generale continua a pesare l'effetto combinato della crisi sui debiti pubblici in Europa e dei timori di rallentamento della ripresa economica in tutti i paesi avanzati, se non di ricaduta in recessione. Resta orientato all'indebolimento l'euro, a quota 1,3589 dollari. Scenari peraltro tra loro legati, visto che una crescita economica debole vede compromettersi il gettito fiscale, ora così necessario a risanare i bilanci e a rassicurare i mercati, soprattutto sulle emissioni pubbliche nell'area euro. E proprio sui mercati obbligazionari oggi si riaccentuano le tensioni sulle emissioni dell'Italia, in attesa di una nuova asta di collocamento di Btp quinquennali. Proprio su questa scadenza oggi i rendimenti - cartina di tornasole delle tensioni di mercato - si attestano al 5,25 per cento, secondo Tradeweb, mentre il differenziale (spread) rispetto alle emissioni equivalenti della Germania, i Bund ha raggiunto i 437 punti base. Ad ogni modo la principale scadenza su cui si fanno i confronti resta quella a dieci anni, e in questo caso i rendimenti dei Btp subiscono un ulteriore lieve incrementi rispetto a ieri, al 5,63 per cento, mentre lo spread sul Bund raggiunge 388 punti base. Materialmente significa che per trovare acquirenti sul mercato, le emissioni italiane già in circolazione devono offrire 3,88 punti percentuali di rendimento in più rispetto alle tedesche, come maggiorazione sul premio di rischio. Perché più si ritiene sicura la solvibilità di una emittente, meno le si richiede in termini di rendimenti, e viceversa. A poco son servite a placare le tensioni le indiscrezioni del Financial Times, confermate dal Tesoro, di colloqui nei giorni scorsi tra autorità italiane e cinesi sulla possibilità che il gigante asiatico acquisti bond della penisola.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech