lunedì 20 febbraio | 08:13
pubblicato il 11/ago/2011 08:46

Crisi/ Angeletti a Cgil: Sciopero non è all'ordine del giorno

Ora bisogna tassare le rendite finanziarie

Crisi/ Angeletti a Cgil: Sciopero non è all'ordine del giorno

Roma, 11 ago. (askanews) - "La questione ora non è all'ordine del giorno". Così Luigi Angeletti, segretario generale della Uil, intervistato da 'La Stampa', dice riferendosi all'ipotesi di una mobilitazione generale contro la manovra così come ventilata ieri dal segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. Il leader della Uil, inoltre, si dice deluso dall'incontro di ieri a palazzo Chigi tra le parti sociali e il governo:" C'è stato un grande divario tra le aspettative e la sostanza reale dell'incontro - dice Angeletti - Le aspettative erano enormi, forse eccessive". Angeletti, poi, ribadisce le istanze portate avanti dalla Uil. "Ciò che deve cambiare ora è la velocità di attuazione, ed è questo che abbiamo fatto presente al governo. Come sindacato, poi, abbiamo ribadito soprattutto due aspetti che ci sembravano salienti: che la classe politica desse un segno forte di riduzione dei costi propri, e che si agisse presto sul fisco". Per il leader della Uil, infine, "se ci sono tasse da aumentare - dice - basta con i prelievi sul lavoro, si pensi invece alle rendite finanziarie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia