sabato 03 dicembre | 21:05
pubblicato il 15/nov/2011 11:24

Crisi/ Ancora allarme Btp, tassi sfiorano 7%,su spread giù Borse

Milano arriva a calare di quasi il 3%, poi si modera al -1,73%

Crisi/ Ancora allarme Btp, tassi sfiorano 7%,su spread giù Borse

Roma, 15 nov. (askanews) - E' di nuovo alta tensione sui mercati europei, con le pressioni che continuano ad accumularsi sui titoli di Stato dell'Italia, spedendone nuovamente i rendimenti a livelli da allarme rosso, che ora si accompagnano da quello che può apparire come un temuto effetto contagio anche sulle emissioni di Spagna e Francia (partendo da livelli di rendimento ben più contenuti nel caso francese). Negli scambi mattutini i tassi retributivi dei Btp a 10 anni di scadenza sono arrivati a toccare il 6,93 per cento, a un soffio da quel 7 per cento guardato con massima allerta in quanto fu una volta superato questo livello che Grecia, Irlanda e Portogallo tirarono avanti per un po' e poi si rassegnarono a chiedere aiuti. Il differenziale (spread) di rendimento dei Btp rispetto ai Bund è risalito oltre la soglia allarmistica dei 500 punti base, o 5 punti percentuali, con un picco a 518 punti. Sembra così svanire l'iniziale effetto positivo che ieri mattina sui mercati aveva accolto con calmieramenti la designazione di Mario Monti a nuovo premier, salvo invertirsi già nel pomeriggio. E a Milano i ribassi partiti già ieri a metà seduta oggi proseguono e anzi si aggravano, toccando i 3 punti percentuali in mattinata per poi moderarsi ad un meno 1,73 per cento del Ftse-Mib a tarda mattina. Intanto Londra si attesta al meno 0,77 per cento, Parigi al meno 1,33 per cento, Francoforte al meno 1,61 per cento. L'euro si indebolisce finendo sotto 1,36 dollari, a 1,3565 a metà mattina. Il tutto in una seduta in cui i dati sul Pil sembrano offrire una cupa prospettiva dei rischi che sta correndo l'area valutaria: Francia e Germania sono infatti riuscite a mettere a segno rimbalzi, rispettivamente dello 0,4 per cento e dello 0,5 per cento dai tre mesi precedenti, lasciandosi alle spalle la maggior parte degli altri Stati, in particolare quelli della periferia che restano sotto tensione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari