venerdì 20 gennaio | 02:57
pubblicato il 26/giu/2014 13:07

Crisi, allarme Confindustria: ripresa debole, serve una scossa

Centro studi rivede al ribasso stime sul Pil

Crisi, allarme Confindustria: ripresa debole, serve una scossa

Milano (askanews) - La ripresa c'è, ma è lenta e debole e il quadro economico resta preoccupante. Il Centro studi di Confindustria invoca una "scossa politica molto forte, per riportare l'Italia su un più alto sentiero di sviluppo". Per l'associazione degli imprenditori, l'Italia sta ancora camminando sul filo del rasoio e le stime sul Pil per il 2014 e 2015 sono state riviste al ribasso, pur mantenendo dei segni positivi. A preoccupare sono soprattutto i 7,7 milioni di persone senza lavoro, in un mercato che Confindustria continua a vedere molto debole. Complessivamente la diagnosi sull'economia italiana è di una paziente che sta recuperando le forze, ma la malattia della crisi, ancora non appare debellata. E ora la palla passa ai decisori della politica italiana.

Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale