lunedì 20 febbraio | 17:42
pubblicato il 26/giu/2014 13:07

Crisi, allarme Confindustria: ripresa debole, serve una scossa

Centro studi rivede al ribasso stime sul Pil

Crisi, allarme Confindustria: ripresa debole, serve una scossa

Milano (askanews) - La ripresa c'è, ma è lenta e debole e il quadro economico resta preoccupante. Il Centro studi di Confindustria invoca una "scossa politica molto forte, per riportare l'Italia su un più alto sentiero di sviluppo". Per l'associazione degli imprenditori, l'Italia sta ancora camminando sul filo del rasoio e le stime sul Pil per il 2014 e 2015 sono state riviste al ribasso, pur mantenendo dei segni positivi. A preoccupare sono soprattutto i 7,7 milioni di persone senza lavoro, in un mercato che Confindustria continua a vedere molto debole. Complessivamente la diagnosi sull'economia italiana è di una paziente che sta recuperando le forze, ma la malattia della crisi, ancora non appare debellata. E ora la palla passa ai decisori della politica italiana.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia