lunedì 05 dicembre | 03:37
pubblicato il 14/mar/2014 14:51

Crisi: Aiaf, dieci punti per rilancio sistema finanziario

(ASCA) - Roma, 14 mar 2014 - Lo sviluppo delle imprese, un'adeguata formazione delle imprese, l'accosso al mercato dei capitali: l' AIAF-Associazione Italiana degli Analisti e Consulenti Finanziari- individua dieci punti per il rilancio del sistema finanziario italiano, e per lo sviluppo e una maggiore competitivita' del nostro Paese. Secondo AIAF il difficile momento che sta vivendo l'Italia impone a coloro che hanno il compito di governare decisioni rapide ed efficaci in ambito istituzionale, economico-finanziario e sociale. L'Associazione, infatti, ritiene che il nostro paese possieda tutte le risorse e le potenzialita' per rilanciare la propria identita', ma che queste dovrebbero essere espresse con maggiore decisione. E', pertanto, necessario un vero e proprio ''cambio di passo'' in ambito istituzionale, attraverso un'azione coordinata di sistema in campo finanziario. Per questo AIAF individua dieci ambiti sui quali reputa si debba lavorare.

Il processo di aggregazione delle piazze finanziarie - si legge in un documento che declina tutti e dieci i punti - rischia, di fatto, di ridurre la valenza di pubblica utilita' della Borsa, con la conseguenza che le scelte dettate dalla massimizzazione dei profitti possano contrastare con l'interesse collettivo dello sviluppo delle nostre imprese.

E' necessario creare le migliori condizioni affinche' un numero sempre crescente di imprese possa accedere al mercato dei capitali attraverso un processo piu' semplice ed economico.Le iniziative di sistema dovrebbero essere volte a favorire il finanziamento delle piccole e medie imprese a costi sostenibili e con forme de-burocratizzate, anche attraverso un ruolo attivo degli intermediari finanziari.

Si tratta di uno strumento unico e potenzialmente prezioso per il finanziamento delle pmi, ma occorre un ulteriore contributo del sistema per la riduzione dei costi (anche con l'eventuale detassazione dello strumento) e, soprattutto, un investimento in formazione per superare la diffidenza delle imprese.

L'esperienza della ''banca universale'' ha, di fatto, ridotto la specializzazione dell'attivita' del credito a medio e lungo termine finalizzato al sostegno degli investimenti delle imprese industriali. Occorre, invece, valorizzare l'attivita' del credito a medio-lungo termine che, come noto, ha caratteristiche distinte rispetto a quelle generiche del finanziamento del capitale circolante delle imprese.

Una condizione essenziale per l'accesso diretto al mercato dei capitali e' un'adeguata formazione delle imprese sui costi, nonche' sulle esigenze di trasparenza e di visibilita' a tutela degli investitori e delle imprese stesse.

La complessita' di alcuni strumenti finanziari e la necessita' di tutelare un bene prezioso come il risparmio rende opportuna una piu' completa formazione in ambito finanziario, fin nelle scuole, con l'obiettivo di rendere sempre piu' consapevoli i risparmiatori nelle scelte cruciali per il loro futuro benessere economico-finanziario.

Una corretta formazione dei prezzi si basa su una diffusione ampia e ordinata dell'informazione finanziaria, per la quale la trasparenza e la qualita' vanno garantite anche con un'adeguata formazione dei soggetti coinvolti.

L'interpretazione, l'analisi e la rappresentazione di dati economico-finanziari rappresentano in ultimo un contributo decisivo alla trasparenza e alla corretta valutazione delle aziende, degli strumenti finanziari e dell'efficienza dei portafogli. Va riconosciuto il ruolo di coloro che svolgono tali attivita' attraverso certificazioni di qualita' e di professionalita'.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari