martedì 24 gennaio | 14:31
pubblicato il 15/mar/2013 08:33

Crisi: Abete, subito sblocco pagamenti PA e incentivi nuovi occupati

Crisi: Abete, subito sblocco pagamenti PA e incentivi nuovi occupati

(ASCA) - Roma, 15 mar - Siamo in presenza di un ''grave deterioramento della situazione economica'' e occorre prendere decisioni rapide per correre ai ripari. Il presidente di Assonime, Luigi Abete, in un'intervista pubblicata oggi sul Sole 24 Ore, propone il varo immediato di due decreti legge (''puo' farlo anche l'attuale governo'') per sbloccare i pagamenti della Pubblica amministrazione e fornire cosi' liquidita' alle imprese e affrontare la crisi occupazionale con sgravi fiscali per i nuovi assunti, oltre a un disegno di legge di iniziativa parlamentare ''che potrebbe essere messo a punto anche lunedi''', per una nuova legge elettorale.

''L'auspicio - ha detto Abete - e' che in parlamento si formino maggioranze stabili in grado di garantire la formazione di un Governo che si presenti al paese con un progetto condiviso. Noi intravvediamo pero' un rischio, una miccia che puo' detonare con esiti disastrosi per il paese. E allora proponiamo il varo immediato di due decreti legge, per far fronte al deterioramento della situazione economica, evitando il rischio di un periocolo avvitamento''.

''Il primo provedimento - aggiunge il presidente di Assonime - mira ad allentare le condizioni di liquidita' delle imprese, rimborsando i crediti che esse vantano nei confronti delle pubbliche amministrazioni, cosi' come proposto da Confindustria nel suo condivisibile manifesto per la legislatura''.

Il secondo, spiega poi Abete, riguarda ''la detassazione e decontribuzione dei nuovi occupati o lavoratori indipendenti che avviino una nuova attivita'. Operazione da proiettare su tre anni, rivolta in particolare agli under 35, siano essi dipendenti o autonomi. Si potrebbe applicare la tassazione saparata del 10% gia' applicata ai contratti di produttivita' ed escludere sia il contributo che la relativa prestazione previdenziale''.

Per quanto riguarda infine la nuova legge elettorale, Abete confida che ''io resto dell'idea che da noi occorrerebbe il doppio turno alla francese. L'ho proposto vent'anni fa, da presidente di Confindustria e ora siamo ancora qui a discuterne. Se emergono altre ipotesi le si valuti. Si presenti gia' lunedi' una proposta di inziativa parlamentare e si avvii il confronto''.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4