sabato 21 gennaio | 18:41
pubblicato il 14/set/2015 12:12

Crescita G20 stabile a +0,7% nel II trim, Italia frena a +0,3%

Anche tutta l'area euro segna una moderazione, +0,4%

Crescita G20 stabile a +0,7% nel II trim, Italia frena a +0,3%

Roma, 14 set. (askanews) - Crescita stabile per l'insieme delle maggiori economie del G20 nel secondo trimestre, mentre Italia e Eurolandia accusano moderazioni. Secondo quanto riporta l'Ocse, l'aggregato del Pil del G20 - che oltre ai Paesi avanzati del G7 include anche le maggiori economie emergenti - ha segnato un più 0,7 per cento rispetto al periodo immediatamente precedente, lo stesso valore del primo trimestre. Crescita invariata anche nel confronto su base annua, con un più 3,2 per cento.

In Italia invece il Pil ha segnato un più 0,3 per cento dal trimestre precedente, a fronte del più 0,4 per cento segnato nel primo trimestre. Nel confronto annuo la crescita risulta però aumentata allo 0,7 per cento, dal più 0,2 per cento di inizio 2015.

Il Pil di Eurolandia ha segnato un più 0,4 per cento nel secondo trimestre, dal più 0,5 per cento di inizio anno, mentre nel confronto annuo ha registrato più 1,5 per cento dal più 1,2 per cento del primo trimestre.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4