venerdì 24 febbraio | 05:29
pubblicato il 20/nov/2014 18:14

Crescita e innovazione: il food italiano guarda all'estero

Un convegno di Intesa Sanpaolo sulle sfide per il made in Italy

Crescita e innovazione: il food italiano guarda all'estero

Milano (askanews) - Le prospettive di crescita del settore alimentare italiano sono strettamente legate ai risultati sui mercati esteri. Nel 2013, per esempio, la crescita del fatturato delle aziende alimentari che operano con l'estero è stata del 3 per cento, di gran lunga superiore a quella segnata dalle imprese che contano solo sulla domanda interna. E' quanto è emerso nel corso della giornata di studio organizzata a Milano da Intesa Sanpaolo sulla "Nuove frontiere dell'Italian food".

Ma come afforntare il mercato estero? Gaetano Micciché, direttore generale Intesa Sanpaolo: "Bisogna avere le capacità per raggiungere i mercati che crescono, per sviluppare il proprio marchio e per avere i giusti mezzi di distribuzione: quindi ci vogliono delle dimensioni minime e gli imprenditori devono capire che non si può rimanere piccoli. E bisogna tentare o di crescere dall'interno, oppure di avere il coraggio e di aprire al capitale, o fare operazioni di joint venture o operazioni di fusioni o di acquisizioni".

Ma la crescita dimensionale da sola non basta. Sul mercato globale si muovono anche altri grandi soggetti che stanno definendo veri e propri nuovi trend dal lato dell'offerta, rispetto ai quali le imprese italiane devono saper reagire.

Gregorio De Felice, chief economist di Intesa Sanpaolo: "Dal punto di vista della domanda, e quindi delle strategie delle imprese italiane, è fondamentale aggiungere alla grande qualità dei propri prodotti una innovazione in termini di packaging, di emotività che il prodotto alimentare può regalare al consumatore. E' qualcosa di simile a quello che succede nel campo della moda. Uno non compra un vestito o un cravatta soltanto per l'uso che ne fa , ma per il piacere di averlo. Quindi è un'emozione. Anche il food regala un'emozione".

Dai dati e dalle riflessioni emerse nel corso della giornata di studi arrivano segnali positivi: per l'ufficio studi Intesa Sanpaolo il settore alimentare dopo un 2014 sostanzialmente stabile potrà tornare a segnare nel 2015 una ripresa, e l'export, favorito anche da un euro più debole, potrebbe cogliere buone opportunità oltre che sui mercati tradizionali anche su quello cinese, in Medio Oriente e nell'Est Europa.

Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech