giovedì 19 gennaio | 22:44
pubblicato il 11/mag/2015 18:43

Cresce export Made in Italy in mercati emergenti, +45% nel 2020

Per Confindustria si arriverà a 16 mld, 5 in più in sei anni

Cresce export Made in Italy in mercati emergenti, +45% nel 2020

Rho (askanews) - Grazie all'ampliamento della classe media nei Paesi emergenti, le esportazioni italiane di quei beni di consumo di fascia medio-alta, che si differenziano per il design, la cura, la qualità dei materiali e delle lavorazioni, passeranno dagli 11 miliardi di euro del 2014 a 16 miliardi nel 2020, pari a una crescita del 45% in sei anni. E' la previsione di Confindustria che con Prometeia ha presentato a Expo 2015 il sesto rapporto "Esportare la dolce vita". Alessandra Lanza, partner di Prometeia.

"Questa è una previsione tutto sommato conservativa, che sconta comunque un rallentamento dei Paesi emergenti rispetto al quinquennio precedente, quindi sono numeri assolutamente raggiungibili dalle nostre imprese che in alcuni casi hanno triplicato la loro quota su questi mercati negli ultimi cinque anni".

I settori principali sono l'arredamento, l'abbigliamento, l'alimentare, il tessile-casa, le calzature, l'occhialeria e l'oreficeria. Quanto alla Cina, dove l'Italia è già il primo fornitore di cosiddetti Bbf, cioè prodotti belli e ben fatti, le prospettive sono buone, ma resta il problema della frammentazione.

"Per quanto molto si sia lavorato sue questo con consorzi di rete e di export, è certamente un tema che può essere superato con la presenza sull'online".

Una strategia caldeggiata anche da colossi del commercio elettronico come Alibaba, rappresentato al convegno da Janet Wang della controllata TMall

"Il mio suggerimento per le imprese italiane che vogliono vendere online in Cina è quello di venire e di imparare strada facendo, invece di fare progetti a lungo termine perché il mercato cambia rapidamente".

Per quanto promettente la Cina sarà comunque per le imprese italiane di questo campo il terzo mercato, preceduto da quello degli Emirati al secondo posto e da quello russo, al primo posto, nonostante il difficile quadro macroeconomico e politico.

Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale