mercoledì 22 febbraio | 21:16
pubblicato il 08/feb/2014 11:00

Credito: Gallia (Bnl-Bnp Paribas), bad bank non risolutiva

(ASCA) - Roma, 8 feb - ''La bad bank non risolve i problemi del credit crunch'' cosi Fabio Gallia, Ad di Bnl-Bnp Paribas in una intervista al quotidiano il Sole 24 Ore. Per risolvere il problema delle restrizione dell'accesso al credito, ''non servono necessariamente operazioni di sistema, come l'idea della bad bank. Noi lavoriamo per migliorare l'efficienza dell'azione di recupero dei crediti deteriorati e contiamo su un accresciuto interesse degli investitori specializzati per una migliore valorizzazione''.

L'Ad di Bnl-Bnp Paribas ricorda che il piano industriale della banca prevede una ''crescita su base organica'' puntando di piu' sul settore retail ma ''non lo fara' con acquisizioni. In altre parole, non compreremo Mps''.

Per quanto riguarda il rilancio complessivo del Paese, ''serve una sorta di testo unico della competitivita': bisogna intervenire subito sul cuneo fiscale per sostenere i redditi di famigli e imprese'', sottolinea Gallia.

men/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech