venerdì 20 gennaio | 07:23
pubblicato il 28/nov/2013 15:21

Credito: Fedart, accesso resta difficile per artigiani e Pmi

(ASCA) - Roma, 28 nov - Resta difficile l'accesso al credito per artigiani e Pmi, e' questa l'analisi di Fedart, presentata oggi a Roma, in occasione della Convention annuale di Fedart-Fidi (Federazione Nazionale Unitaria dei Confidi dell'artigianato. Si tratta di uno studio che, attraverso i dati consolidati al 31 dicembre 2012 e una prima analisi congiunturale al 30 giugno 2013, illustra i dati piu' recenti sullo stato del credito in Italia, visto dallo specifico punto di vista del rilascio delle garanzie.

Il tasso lordo di sofferenza e' letteralmente schizzato al 9,3%, dal 6,3% del 2011.

Per la prima volta dall'avvio della crisi l'incidenza dei finanziamenti concessi alle imprese artigiane con la garanzia dei Confidi ha registrato una contrazione, in parte dovuta anche alla riduzione del credito bancario erogato a questa tipologia di imprese. Si e' ridotto il volume dei finanziamenti garantiti nel corso dell'anno, che per la prima volta dall'avvio della crisi si attesta al di sotto dei 6 miliardi di euro, pur a fronte di un aumento delle imprese associate, segno che la garanzia dei Confidi e' ancora uno strumento utile per l'accesso al credito delle Pmi. Le difficolta' che segnano il credito sono ulteriormente confermate dalla ormai marcata prevalenza del credito a breve termine su quello con una scadenza di medio e lungo termine, utilizzato per finanziare gli investimenti. Il sistema ha in essere 6,6 miliardi di euro di garanzie complessive, sostanzialmente stabili rispetto al periodo precedente. Le mancate erogazioni dei finanziamenti corrispondenti da parte del sistema bancario restano elevate: solo i due terzi delle garanzie deliberate dai Confidi sono state effettivamente erogate. Questo rilevante gap conferma la difficolta' di accesso al credito delle piccole imprese, pur in presenza di una quota di garanzia offerta dal Confidi su ogni finanziamento che ha segnato un incremento di oltre 1,5 punti percentuali rispetto all'anno precedente (46,7%).

Fedart ha elaborato alcune proposte di intervento che sta portando all'attenzione di tutti i soggetti coinvolti e sui cui auspica che le Istituzioni vogliano far convergere la propria attenzione.

Azioni sulle quali la Federazione stessa ha ritenuto opportuno offrire il proprio contributo di esperienza e di competenze per avanzare un insieme sistematico e interrelato di proposte progettuali. Fedart ha infatti elaborato un set di quattro proposte di intervento, d'intesa con Assoconfidi, volte a rafforzare il sistema sia nel breve termine con interventi straordinari sia in una prospettiva piu' ampia mediante azioni strutturali.

Gli interventi straordinari mirano ad accrescere la dotazione patrimoniale del sistema prevedendo l'erogazione di un contributo di importo proporzionale al volume di garanzie e a liberare una quota delle garanzie gia' in essere.

Le azioni strutturali sono tese a rafforzare la presenza dei Confidi sul Fondo Centrale, cosi' da massimizzare gli effetti positivi che derivano dall'operativita' in controgaranzia.

Cio' si realizzerebbe dando attuazione all'operativita' per portafogli prevista dal Decreto Monti, innalzando la riserva a favore della controgaranzia e ripristinando la percentuale piu' elevata, in vigore fino a pochi mesi fa, per l'intervento del Fondo sulla controgaranzia.

A queste proposte se ne aggiunge una quinta, portata avanti con la partnership di Unioncamere, volta a introdurre un riordino di tutta la normativa, al fine di renderla coerente con il complesso processo evolutivo da cui il sistema dei Confidi e' stato interessato nell'ultimo decennio. Lo strumento sarebbe quello di una Legge Delega, che sancirebbe a livello normativo alcuni principi fondamentali: i principi di proporzionalita' e di specificita', una piu' ampia tutela del carattere accessorio della garanzia e l'eliminazione delle duplicazioni.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale