lunedì 23 gennaio | 10:09
pubblicato il 23/mag/2014 15:23

Credito: Confidi Campania diventa vigilato ed entra in rete nazionale

(ASCA) - Napoli, 23 mag 2014 - Confidi Regione Campania S.C.p.A. diventa Confidi vigilato. La Banca d'Italia ha ufficialmente comunicato, infatti, l'iscrizione del Consorzio nell'elenco speciale dei Confidi soggetti a vigilanza previsto dal D. Lgs. 385/93, entrando cosi' nella ''e'lite'' nazionale dei consorzi di garanzia fidi, tra i pochissimi operanti al Sud e che gestiscono circa il 50% delle garanzie nell'area.

All'iscrizione il Consorzio campano giunge grazie al raggiungimento di alcuni obiettivi riguardanti il patrimonio di vigilanza ed i requisiti che hanno risposto perfettamente alla normativa vigente; con tale svolta nel suo percorso, Confidi Regione Campania si sottopone a rigorosi controlli da parte della Banca d'Italia su attivita' e documenti. Per le imprese associate, la garanzia rilasciata da Confidi Regione Campania in qualita' di intermediario finanziario assume un diverso valore in quanto trasmette la ponderazione riconosciuta da Banca d'Italia sulla parte garantita, permettendo di abbattere i costi del credito, ampliare la capacita' di accesso al credito e di presentarsi alle banche con un garante piu' solido e strutturato.

''E' il felice coronamento di un percorso cominciato circa un anno fa - dichiara Giuseppe Calcagni, presidente di Confidi Regione Campania -, quando avviammo l'iter per il riconoscimento di tale status sulla base di una rigorosa ristrutturazione interna. La nuova posizione - continua Calcagni - ci permettera' di estendere la presenza sul territorio, di migliorare il dialogo con i soci, assicurando elasticita', capacita' di garanzia, velocita' nella richiesta del credito. Dinamismo, duttilita' e rafforzamento sono gli obiettivi del nuovo corso che il Cda si e' dato per fornire servizi moderni ed efficienti. Ora abbiamo acquisito un fondamentale strumento per affrontare le sfide del prossimo futuro: allargamento territoriale, potenziamento della base associativa, spazio all'internazionalizzazione, sfruttamento delle misure per accedere al credito''. bor/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4