giovedì 08 dicembre | 17:07
pubblicato il 15/mar/2013 18:03

Credem: utile netto 2012 +25% a 121 mln , sale dividendo (1 update)

(ASCA) - Roma, 15 mar - Robusta crescita per i conti di Credem. L'istituto archivia il 2012 con un utile netto a 121,2 milioni segnando una progressione del 25,5% rispetto al precedente esercizio e il cda ha deliberato di distribuire un dividendo di 0,12 euro per azione contro i 0,10 dell'anno scorso.

''Abbiamo lavorato intensamente per mantenere la struttura flessibile e reattiva'', ha dichiarato Adolfo Bizzocchi direttore generale di Credem, ''sviluppando la rete distributiva ed investendo sulla formazione del personale per continuare a crescere in modo sano ed equilibrato, in termini di quote di mercato e di clienti, anche in una situazione complessa come quella attuale. Abbiamo inoltre semplificato la gamma prodotti proponendone di nuovi, piu' semplici, ed offrendo servizi per facilitare ai nostri clienti il rapporto con la banca. Inoltre in considerazione del difficile contesto economico'', ha proseguito Bizzocchi, ''siamo orgogliosi dei risultati del 2012, ottenuti soprattutto grazie alla qualita' professionale, alla responsabile motivazione ed alla passione delle persone che lavorano nel nostro Gruppo. Nel corso del 2013 ci focalizzeremo soprattutto sul proseguimento del costante sostegno a famiglie ed imprese con l'obiettivo'', ha concluso Bizzocchi, ''di continuare il nostro percorso di crescita organica, mantenendo la consueta solidita' patrimoniale e redditivita'''.

Tornando ai conti, il margine di intermediazione e' in crescita del 4,9% a 971,2 milioni di euro con un contributo positivo sia dal margine finanziario sia dal margine servizi.

In particolare il margine finanziario e' in crescita dell'1,1% a 468,3 milioni di euro nonostante la riduzione della forbice clientela. Il risultato operativo e' in crescita del 15,1% e si attesta a 334 milioni di euro.

Credem conferma inoltre la solidita' patrimoniale e la qualita' del credito. Il Core Tier 1 si attesta a 9,4% senza ricorso ad aumenti di capitale e sofferenze su impieghi a 1,3% significativamente inferiori alla media di sistema. Sul fronte patrimoniale la raccolta complessiva da clientela, a fine 2012, e' pari a 46.389 milioni di euro rispetto a 43.145 milioni di euro a fine 2011, con un +7,5% sull'anno precedente.

Gli impieghi sono pari a 19.948 milioni di euro, +1,2% rispetto a 19.721 milioni di euro nel 2011 con costante attenzione alla qualita' del portafoglio. Nel dettaglio, i mutui ipotecari alle famiglie registrano consistenze per 6.241 milioni di euro, -0,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, con flussi erogati pari a 528,4 milioni di euro (-54,8%).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni