lunedì 23 gennaio | 08:15
pubblicato il 15/mar/2013 18:03

Credem: utile netto 2012 +25% a 121 mln , sale dividendo (1 update)

(ASCA) - Roma, 15 mar - Robusta crescita per i conti di Credem. L'istituto archivia il 2012 con un utile netto a 121,2 milioni segnando una progressione del 25,5% rispetto al precedente esercizio e il cda ha deliberato di distribuire un dividendo di 0,12 euro per azione contro i 0,10 dell'anno scorso.

''Abbiamo lavorato intensamente per mantenere la struttura flessibile e reattiva'', ha dichiarato Adolfo Bizzocchi direttore generale di Credem, ''sviluppando la rete distributiva ed investendo sulla formazione del personale per continuare a crescere in modo sano ed equilibrato, in termini di quote di mercato e di clienti, anche in una situazione complessa come quella attuale. Abbiamo inoltre semplificato la gamma prodotti proponendone di nuovi, piu' semplici, ed offrendo servizi per facilitare ai nostri clienti il rapporto con la banca. Inoltre in considerazione del difficile contesto economico'', ha proseguito Bizzocchi, ''siamo orgogliosi dei risultati del 2012, ottenuti soprattutto grazie alla qualita' professionale, alla responsabile motivazione ed alla passione delle persone che lavorano nel nostro Gruppo. Nel corso del 2013 ci focalizzeremo soprattutto sul proseguimento del costante sostegno a famiglie ed imprese con l'obiettivo'', ha concluso Bizzocchi, ''di continuare il nostro percorso di crescita organica, mantenendo la consueta solidita' patrimoniale e redditivita'''.

Tornando ai conti, il margine di intermediazione e' in crescita del 4,9% a 971,2 milioni di euro con un contributo positivo sia dal margine finanziario sia dal margine servizi.

In particolare il margine finanziario e' in crescita dell'1,1% a 468,3 milioni di euro nonostante la riduzione della forbice clientela. Il risultato operativo e' in crescita del 15,1% e si attesta a 334 milioni di euro.

Credem conferma inoltre la solidita' patrimoniale e la qualita' del credito. Il Core Tier 1 si attesta a 9,4% senza ricorso ad aumenti di capitale e sofferenze su impieghi a 1,3% significativamente inferiori alla media di sistema. Sul fronte patrimoniale la raccolta complessiva da clientela, a fine 2012, e' pari a 46.389 milioni di euro rispetto a 43.145 milioni di euro a fine 2011, con un +7,5% sull'anno precedente.

Gli impieghi sono pari a 19.948 milioni di euro, +1,2% rispetto a 19.721 milioni di euro nel 2011 con costante attenzione alla qualita' del portafoglio. Nel dettaglio, i mutui ipotecari alle famiglie registrano consistenze per 6.241 milioni di euro, -0,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, con flussi erogati pari a 528,4 milioni di euro (-54,8%).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4