giovedì 19 gennaio | 05:40
pubblicato il 13/ago/2013 11:45

Credem: aumenta a 30 mln plafond per internazionalizzazione imprese

(ASCA) - Roma, 13 ago - Credem ha aumentato a 30 milioni di euro il plafond a disposizione delle imprese per finanziamenti destinati a sostenere le attivita' di crescita sui mercati internazionali ed in particolare a finanziare l'investimento propedeutico o strumentale all'internazionalizzazione dell'impresa. Tali prestiti sono chirografari e garantiti da SACE.

Tali finanziamenti sono rivolti ad aziende con fatturato complessivo fino a 250 milioni di euro e realizzato per almeno il 10% all'estero. Si tratta di mutui che possono avere una durata di 36 o 60 mesi, un importo compreso tra 100.000 e 2,5 milioni di euro, e sono garantiti da SACE fino al 70%.

Inoltre, per offrire un supporto alle imprese per gestire le esigenze di liquidita' connesse all'esplorazione commerciale dei mercati esteri e renderle competitive nel processo di internazionalizzazione, attraverso il mutuo ''New Markets'' Credem finanzia consulenze specialistiche e studi di fattibilita' per lo sviluppo di progetti commerciali e d'investimento in ambito internazionale, attivita' promozionali, commerciali e distributive dei prodotti sui nuovi mercati.

Il target di imprese per ''New Markets'' e' rappresentato da aziende esportatrici o che intendono sviluppare il proprio business sui mercati esteri. Credem, attraverso mutui chirografari della durata di tre anni con possibilita' di preammortamento di sei mesi, puo' finanziare un importo minimo di 10.000 euro senza limite massimo. Il tasso previsto e' variabile, con rimborso a rate posticipate.

''Nell'attuale contesto economico, in cui la domanda interna si e' sensibilmente ridotta, moltissime aziende trovano nell'export e nell'internazionalizzazione le soluzioni per continuare ad essere competitive'', ha commentato Giovanna Reggioni, responsabile prodotti e servizi aziende di Credem, ''queste iniziative rientrano in un piu' ampio progetto di Credem finalizzato a sostenere con azioni concrete il tessuto economico e produttivo del Paese. In particolare alcune soluzioni sono state pensate proprio per le esigenze delle aziende che, in numero sempre maggiore, decidono di affacciarsi su nuovi mercati esteri''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina