domenica 26 febbraio | 03:09
pubblicato il 08/ott/2014 11:19

Corteo a Milano contro Jobs Act, Landini: "Occuparemo le fabbriche"

Corteo a Milano contro Jobs Act, Landini: "Occuparemo le fabbriche"

Roma, 8 ott. (askanews) - "Siamo pronti ad occupare le fabbriche". Lo ha detto Maurizio Landini, leader Fiom, in diretta ad Agorà mentre è in corso la manifestazione indetta dalla Fiom nel giorno del vertice europeo sul lavoro che si tiene a Milano. "Quello che ci stanno chiedendo adesso - ha detto - è di abbassare i salari e di accettare i licenziamenti. Quindi, visto che le vertenze si stanno facendo al ministero del Lavoro, e mi riferisco a Termini, alla Thyssen, che non venga in mente al governo di accettare le proposte, di fare lui le mediazioni dove si abbassa il salario perché una logica di questo tipo non è accettabile e siccome molte multinazionali ci stanno ponendo questo problema, è chiaro che noi per difendere il lavoro con i diritti, non escludiamo assolutamente nulla. E, se necessario, anche forme di occupazione delle fabbriche che servono a difendere il lavoro". Sono migliaia i lavoratori che sono partiti intorno alle 10 da piazzale Lotto a Milano per la manifestazione. Un gruppetto di antagonisti ha effettuato un blitz nella sede dell'ufficio del lavoro di via Mauro Macchi srotolando uno striscione e accendendo un paio di fumogeni. La notizia è stata data da manifestanti dal camion che apre il corteo della Fiom partito intorno alle 10 da piazzale Lotto, e poi confermata dalle forze dell'ordine. Il blitz ha creato solo un po' di confusione ma non è di fatto successo nulla, dopo l'azione dimostrativa i giovani si sono dileguati. Nella notte, invece, a Roma manifestazione lampo al ministero del Lavoro degli studenti della Rete della conoscenza contro l'approvazione al Senato del "Jobs Act": un gruppo di ragazzi ha srotolato uno striscione con la scritta "#Non servi. La precarietà è il problema. Il Jobs Act non è la soluzione". A Milano ad aprire il corteo c'è il segretario generale Maurizio Landini e il segretario della Camera del lavoro di Milano Graziano Gorla. Dietro di loro decine di lavoratori delle principali aziende metalmeccaniche della Lombardia e alcune delegazioni provenienti anche da altre regioni del centro-nord. Le parole d'ordine scandite dai manifestanti sono quelle sentite in questi giorni contro il Jobs act e cioè per la riduzione dei diritti e dei salari, contro la precarietà, la libertà di licenziare e la delocalizzazione e sul versante internazionale la condanna dei trattati sul libero scambio "che consegnano alle multinazionali poteri superiori a quelli degli Stati". Il corteo, che si sta svolgendo in maniera pacifica, è chiuso dallo spezzone dei centri sociali. Secondo il programma il corteo dovrebbe arrivare in piazza Firenze dopo un giro lungo le strade del quartiere Fiera. Int8

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech