giovedì 19 gennaio | 05:37
pubblicato il 06/mag/2014 12:00

Corte Ue annulla direttiva su multe stradali transfrontaliere

Sbagliata la base giuridica, resta comunque in vigore per un anno

Corte Ue annulla direttiva su multe stradali transfrontaliere

Bruxelles, 6 mag. (askanews) - La Corte di europea di Giustizia ha annullato, con una sentenza emessa oggi a Lussemburgo, la direttiva Ue volta a facilitare lo scambio di informazioni relative a una serie di infrazioni stradali e l'esecuzione transfrontaliera delle sanzioni collegate a queste infrazioni (eccesso di velocità, mancato uso della cintura di sicurezza, mancato arresto davanti a un semaforo rosso, guida in stato di ebbrezza, guida sotto l'influsso di sostanze stupefacenti, mancato uso del casco protettivo, circolazione su una corsia vietata e uso indebito di telefono cellulare durante la guida). La direttiva, che sostanzialmente permette alle autorità di uno Stato membro di incassare le multe stradali comminate per infrazioni sul suo territorio commesse da residenti in altri Stati membri, accedendo ai dati nazionali sull'immatricolazione dei veicoli in modo da individuare la persona responsabile, secondo la Corte è stata approvata con una base giuridica inappropriata, facendo riferimento agli articoli del Trattato Ue relativi alla cooperazione di polizia invece che a quelli riguardanti la sicurezza dei trasporti. Gli effetti della normativa annullata, tuttavia, sono mantenuti per il termine massimo di un anno, hanno deciso i giudici comunitari, sia per ragioni di crtezza del diritto che per evitare conseguenze negative sulla realizzazione dell'obietivo del miglioramento della sicurezza stradale nella politica dei trasporti dell'Ue. La direttiva 2011/822 era stata adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio Ue il 25 ottobre 2011 con una modifica della base giuridica, rispetto al testo originale presentato dalla Commissione il 19 marzo 2008. I due organi co-legislatori dell'Ue avevano deciso di sostituire alla base giuridica della sicurezza stradale, individuata correttamente dalla Commissione, quella della cooperazione di polizia, che la Corte ha ora giudicato sbagliata. Nella sua sentenza, la Corte spiega che, per quanto concerne sia la sua finalità sia il suo contenuto, la direttiva costituisce una misura atta a migliorare la sicurezza dei trasporti e non si ricollega direttamente agli scopi della cooperazione di polizia, che nel Trattato Ue ha copre aree molto diverse, precisamente individuate: lo sviluppo di una politica comune in materia di asilo, l'immigrazione e il controllo delle frontiere esterne, la prevenzione della criminalità, del razzismo e della xenofobia. Era stata la stessa Commissione europea, dopo l'approvazione definitiva della direttiva, a presentare un ricorso di annullamento alla Corte Ue, ritenendo che fosse stata adottata su un fondamento giuridico errato. Il termine per la trasposizione della direttiva nel diritto nazionale è scaduto il 7 novembre 2013. Alla luce di questa circostanza (l'esistenza negli Stati membri di leggi nazionali di recepimento già in applicazione), la Corte ritiene che considerazioni importanti di certezza del diritto giustifichino il mantenimento degli effetti della direttiva sino all'entrata in vigore, entro un termine ragionevole che non può eccedere un anno a partire dalla data di pronuncia della sentenza, di una nuova direttiva basata sul fondamento giuridico appropriato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina