domenica 04 dicembre | 11:32
pubblicato il 18/ott/2013 13:09

Corte Conti: varo nei termini bilanci EE.LL o finanza pubblica a rischio

(ASCA) - Roma, 18 ott - Inaugurando una fase di piu' intenso dialogo istituzionale con le amministrazioni territoriali e con i Ministeri di riferimento, in data 14 ottobre 2013, la Corte dei conti (Sezione delle autonomie) ha esaminato, in presenza del Ministero dell'Economia e delle Finanze, del Ministero dell'Interno e delle associazioni rappresentative di Province (UPI) e Comuni (ANCI) - le problematiche connesse allo slittamento al 30 novembre prossimo del termine per l'approvazione del bilancio di previsione per l'esercizio 2013. Il bilancio di previsione, ai sensi dell'art. 151 del TUEL (d.lgs. n. 267/2000), dovrebbe essere deliberato entro il 31 dicembre dell'anno precedente a quello di riferimento. Tale termine e' stato sistematicamente differito - con ritardo sempre maggiore - negli ultimi anni. Il reiterato spostamento dei termini per l'approvazione del bilancio di previsione inficia il principio della programmazione di bilancio e frustra le possibilita' di attuare manovre incisive di correzione, con riflessi sul rispetto dei vincoli di finanza pubblica. D'altra parte il rinvio non garantisce l'esigenza di preservare gli equilibri di bilancio; il differimento del termine non impedirebbe, comunque, agli enti locali di approvare un ''bilancio provvisorio'', da incentrare sui principi contabili della prudenza, dell'attendibilita' e della coerenza. Alla proroga del termine puo' conseguire il ritardo nella determinazione delle aliquote di tributi locali e delle tariffe e cio' puo' creare problemi ai cittadini ed alle imprese. Il rinvio nell'approvazione degli atti impositivi, oltre a provocare possibili accavallamenti di scadenze, con conseguenti aggravi finanziari per i cittadini, determina anche notevoli ritardi nella riscossione delle entrate di competenza e rende ancora piu' onerosa la gestione delle spese, sotto il profilo dell'osservanza dei termini di pagamento dei debiti stabiliti dalla legislazione comunitaria. Pur nel contesto dell'esercizio provvisorio e' assolutamente necessario procedere alla sostanziale salvaguardia degli equilibri di bilancio in corso d'anno, in ossequio all'immanente principio del pareggio finanziario. Una gestione protratta dell'esercizio provvisorio - se non accompagnata da comportamenti ispirati al principio di prudenza - puo' produrre disavanzi di gestione, ostacolare l'emersione di debiti fuori bilancio e facilitare la formazione di ulteriori oneri latenti. Il negativo impatto di un prolungato esercizio provvisorio sugli equilibri dei conti degli enti locali rischia di riverberarsi sull'intera finanza pubblica e di incidere sull'osservanza, da parte del nostro Paese, dei vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea. In tale contesto la Sezione delle autonomie ha fornito indicazioni agli organi di revisione degli enti locali sulle verifiche da effettuare, durante l'esercizio provvisorio, con riferimento a profili di particolare criticita' e rilevanza, che finiscono per riguardare anche la sana gestione finanziaria degli enti. La Sezione ha segnalato, infine, l'esigenza che le competenti amministrazioni centrali (Ministero dell'Economia e delle Finanze; Ministero dell'Interno) adottino ogni utile iniziativa per evitare il ripetersi di un patologico prolungamento dell'esercizio provvisorio che, di fatto, vanifica il ruolo stesso del bilancio preventivo ed espone gli enti locali al rischio di negativi esiti gestionali.

red/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari