lunedì 05 dicembre | 17:35
pubblicato il 14/feb/2014 11:12

Corte Conti: Squitieri, no a ulteriori correzioni disavanzo

Corte Conti: Squitieri, no a ulteriori correzioni disavanzo

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - ''Va scongiurata l'eventualita' di nuovi interventi di correzione del disavanzo, riproduttivi di un circolo vizioso che rallenta la ripresa''. Lo dice nella sua relazione il presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, in occasione dell'inaugurazione dell'Anno giudiziario 2014. Per Squitieri ''gli obiettivi di medio termine definiti a livello europeo costituiscono ancora un vincolo severo per la gestione del bilancio e del debito pubblico anche nella prospettiva di un ciclo economico che auspichiamo torni favorevole''. Nello scenario delle novita' istituzionali quali: fiscal compact, six back e two back, ''la rete delle sezioni regionali rappresenta un insostituibile strumento per rendere il rispetto degli equilibri non solo un mero adempimento contabile'', aggiunge Squitieri sottolineando l'importante ruolo dell'istituto ''in virtu' della sua esclusiva articolazione sul territorio''.

gbt/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari