sabato 23 luglio | 16:55
pubblicato il 18/feb/2016 11:27

Corte conti: Italia fuori da recessione, ma resta incertezza

"Fondamentale dare impulso a crescita economica e occupazione"

Corte conti: Italia fuori da recessione, ma resta incertezza

Roma, 18 feb. (askanews) - L'economia italiana è uscita dalla lunga recessione ma sul futuro c'è ancora incertezza. Lo ha detto il presidente della Corte dei conti, Raffaele Squitieri, all'inaugurazione dell'anno giudiziario 2016. "Pur nella rassicurante acquisizione - ha sottolineato Squitieri - di un'economia italiana ormai uscita dalla recessione connessa alla crisi del debito sovrano, le vicende più recenti confermano il permanere di un quadro ad alto contenuto di incertezza, soprattutto avendo riguardo allo scenario internazionale".

"In una fase così delicata per il nostro paese - ha aggiunto il presidente della magistratura contabile - è fondamentale fornire impulso alla crescita economica e all'occupazione, pur nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Trasporto aereo
Il Tar annulla differimento sciopero Enav, domani caos voli
Trasporto aereo
Domani caos voli, il Tar annulla differimento sciopero Enav
Economia estera
Brexit e Turchia irrompono nell'agenda di G20 Finanze a Chengdu
Trasporto aereo
Trasporto aereo, Mit: domani voli regolari, ritirati i 2 scioperi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Cancro alla prostata, ad Ancona l'innovativa sonda a ultrasuoni
Motori
Musk svela il suo sogno: auto autonome condivise, camion e bus
Enogastronomia
Vacanze, Coldiretti: assegnate 4.965 bandiere del gusto
Turismo
Al Castello di Tabiano musica verdiana e tamburi Taiko
Lifestyle e Design
Smartphone batte libro, lettura social preferita a saggi e romanzi
Sostenibilità
Corepla, Ciotti: riciclo plastica pilastro economia circolare
TechnoFun
Facebook: successo per volo prova drone per connessione Internet
Scienza e Innovazione
Pokémon go, la caccia diventa lavoro conto terzi da 15 euro l'ora
Sistema Trasporti
Mobilità intelligente con innovazione digitale infrastrutture