martedì 17 gennaio | 18:57
pubblicato il 10/apr/2013 15:08

Corte conti: Giampaolino, per calo debito serve elevato avanzo...(1 upd)

(ASCA) - Roma, 10 apr - Per ridurre il debito pubblico serve un elevato avanzo primario e se l'Italia avesse mantenuto i saldi del 5% del pil degli anni 1998 e 1999 oggi il rapporto tra debito pubblico e pil sarebbe ben inferiore al 100%. E' quanto ha sottolineato il presidente della Corte dei conti, Luigi Giampaolino, parlando al XIV GWG di Tokyo ''Solidita' e sostenibilita' delle finanze pubbliche, debito pubblico e ruolo delle Istituzioni superiori di controllo''.

Il presidente della magistratura contabile mette in rilievo gli effetti di un elevato debito pubblico.

''Costituisce la prova evidente che un sistema economico sta vivendo al disopra dei suoi mezzi - afferma - al di la' del finanziamento degli investimenti, per le famiglie cosi' come per lo Stato, le entrate correnti dovrebbero coprire le spese correnti. Per una societa' nel suo complesso, accumulare debito pubblico significa spostare l'onere dell'aggiustamento e del rimborso sulle generazioni future; ricorrere al debito e' economicamente giustificabile solo in funzione del finanziamento di investimenti e della formazione di capitale sociale''.

Giampaolino ripercorre la storia dei conti pubblici negli ultimi 15 anni rilevando come il paese abbia sprecato una serie di occasioni per avere i conti in ordine. Ad esempio ''provvedimenti con effetti temporanei (compresi vari condoni fiscali e misure ''una tantum'', pari in media a circa 1 per cento del PIL negli anni 1995-2006) sono stati spesso utilizzati per rispettare almeno formalmente le regole europee di bilancio, evitando i costi di aggiustamenti piu' sostenibili''.

Un contributo sostanziale alla riduzione del rapporto debito/PIL e' stato dato nella seconda meta' degli anni ''90 dalla privatizzazione di parte delle imprese di proprieta' dello Stato. Il risultato e' stato la diminuzione di tale rapporto dal 120,9 per cento nel 1994 al 109,2 per cento nel 2000. Il risparmio in termini di onere per interessi e' stato di piu' di 50 miliardi di euro all'anno (differenza tra l'annualita' peggiore, 1996, e quella migliore, 2004).

Giampaolino ricorda poi che dopo l'adesione all'Unione monetaria europea, in un primo momento il Governo italiano ha fissato obiettivi coerenti con l'impegno, preso nel marzo del 1998 a livello europeo, di mantenere un avanzo primario pari o superiore al 5 per cento del PIL, il che avrebbe permesso di portare il rapporto debito/PIL vicino al 60 per cento in un lasso di tempo relativamente breve. ''Se gli avanzi primari degli anni 1998-99, pari a circa il 5% del PIL, fossero stati mantenuti anche negli anni successivi, l'Italia avrebbe ora un rapporto debito/PIL significativamente inferiore al 100% (84%, secondo autorevoli analisti) quindi senza alcuna ulteriore necessita' di fare ricorso a misure addizionali di rigore fiscale, che inevitabilmente arrecano danno all'economia reale. Invece il rapporto debito/PIL, dopo aver raggiunto un minimo del 103% nel 2007, ha iniziato nuovamente a salire, raggiungendo l'attuale livello del 127%''.

''Mantenere un elevato avanzo primario e' il modo piu' virtuoso per diminuire il rapporto debito/PIL. L'altro modo fisiologico con il quale tale rapporto puo' diminuire e' attraverso l'incremento del denominatore del rapporto, vale a dire il PIL nominale''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa