domenica 04 dicembre | 20:10
pubblicato il 26/giu/2014 11:39

Corte Conti: corruzione puo' attecchire ovunque, nessuno e' indenne

(ASCA) - Roma, 26 giu 2014 - ''La corruzione puo' attecchire dovunque: nessun organismo e nessuna Istituzione possono ritenersene indenni o al riparo e quindi esenti da obblighi di vigilanza''. E' quanto affermato dal procuratore generale della Corte dei Conti, Salvatore Nottola, nel Giudizio sul rendiconto generale dello Stato, aggiungendo che ''nessuna Istituzione puo' ritenersi scevra da responsabilita' di fronte al dilagare'' della corruzione. sgr/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari