martedì 21 febbraio | 00:03
pubblicato il 22/lug/2014 11:18

Corruzione: Buzzetti, no a strutture speciali che alterano il mercato

(ASCA) - Roma, 22 lug 2014 - La corruzione e' uno dei mali peggiori del paese, ma non servono deroghe che alterano il mercato. Lo ha detto il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, all'assemblea annuale dell'associazione, annunciando un rafforzamento del codice etico interno.

La corruzione, ha detto Buezzetti, ''e' un fenomeno fin troppo diffuso che ci riguarda da vicino ma che coinvolge anche tutti gli apparati dell'amministrazione e anche altri settori professionali ed economici. Si tratta di uno dei mali peggiori del nostro paese, che non riusciamo a sconfiggere.

Per farlo dovremmo riuscire a rompere il meccanismo di sfiducia nello Stato e di ricerca di comportamenti scorretti, che troppo spesso sono stati tollerati''.

Pero', ha aggiunto il presidente dell'Ance, ''basta con le strutture speciali, con le procedure d'urgenza per eventi che spesso sono stati programmati da tempo e che consentono di derogare alle leggi ordinarie e di evitare le gare''.

sen/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia