lunedì 27 febbraio | 22:24
pubblicato il 04/lug/2014 17:06

Cooperative: Alleanza Coop, domani Gioranata Internazionale

(ASCA) - Roma, 4 lug 2014 - ''La Giornata Internazionale delle Cooperative e' lo spunto per riflettere sul ruolo che le cooperative stanno continuando a esercitare in un momento di forte difficolta' economica''. Lo dice in una nota l'Alleanza delle Cooperative in occasione della Giornata Internazionale delle Cooperative fissata per domani dall'Onu che aveva anche proclamato il 2012 Anno Internazionale delle Cooperative per la capacita' di rispondere alla crisi.

''Il modello cooperativo ha dimostrato la propria capacita' di resistenza ribadendo il proprio impegno nella valorizzazione del territorio e nell'utilizzare le risorse disponibili per la salvaguardia dell'occupazione di 1,4 milioni di lavoratori in Italia, 5,4 milioni in Europa e 100 milioni di persone nel mondo''.

''Questo e' quanto abbiamo fatto. Dobbiamo riflettere e agire sui nuovi scenari. La prima risposta vai ai giovani del nostro paese: oltre il 20% dei nostri giovani, quasi il doppio della Germania, non lavora, non studia, ma fa affidamento su patrimoni e reti di protezione familiare.

Cosi' non c'e' futuro. La cooperazione per essere all'altezza del domani dovra' interpretare e rispondere alle esigenze sempre piu' complesse che arrivano dalla societa'''.

''Le risposte piu' innovative che stiamo dando sono nel welfare e nei servizi alla persona, oltre che nella capacita' di reinventare il lavoro come nel caso dei workers buy out.

Non e' un caso - aggiunge - che su questo fronte il Parlamento Europeo di Strasburgo ha approvato il 'Rapporto di Iniziativa sul ruolo delle cooperative nel superamento della crisi' dove si evidenzia il ruolo che le cooperative hanno svolto, consentendo a molti lavoratori di assumere direttamente, in forma cooperativa, la gestione di aziende in via di chiusura, limitando cosi' le conseguenze occupazionali della crisi''.

''La nostra scommessa - conclude l'alleanza - va sulle nuove frontiere: cooperative di comunita'; professionisti in cooperativa e cooperative di utenza. Abbiamo bisogno di due supporti, uno in Italia, l'altro in Europa. All'Italia chiediamo un rafforzamento nei controlli del dumping e della falsa cooperazione perche' casi singoli non possono e non devono rovinare quanto fanno di buono le cooperative italiane che sono una risorsa del e per il paese. In Europa e all'Europa diciamo di no alle politiche di omogeneizzazione delle forme di impresa. Non si possono fare leggi a taglia unica solo per le societa' di capitali''.

com/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech