domenica 11 dicembre | 11:39
pubblicato il 04/lug/2014 17:06

Cooperative: Alleanza Coop, domani Gioranata Internazionale

(ASCA) - Roma, 4 lug 2014 - ''La Giornata Internazionale delle Cooperative e' lo spunto per riflettere sul ruolo che le cooperative stanno continuando a esercitare in un momento di forte difficolta' economica''. Lo dice in una nota l'Alleanza delle Cooperative in occasione della Giornata Internazionale delle Cooperative fissata per domani dall'Onu che aveva anche proclamato il 2012 Anno Internazionale delle Cooperative per la capacita' di rispondere alla crisi.

''Il modello cooperativo ha dimostrato la propria capacita' di resistenza ribadendo il proprio impegno nella valorizzazione del territorio e nell'utilizzare le risorse disponibili per la salvaguardia dell'occupazione di 1,4 milioni di lavoratori in Italia, 5,4 milioni in Europa e 100 milioni di persone nel mondo''.

''Questo e' quanto abbiamo fatto. Dobbiamo riflettere e agire sui nuovi scenari. La prima risposta vai ai giovani del nostro paese: oltre il 20% dei nostri giovani, quasi il doppio della Germania, non lavora, non studia, ma fa affidamento su patrimoni e reti di protezione familiare.

Cosi' non c'e' futuro. La cooperazione per essere all'altezza del domani dovra' interpretare e rispondere alle esigenze sempre piu' complesse che arrivano dalla societa'''.

''Le risposte piu' innovative che stiamo dando sono nel welfare e nei servizi alla persona, oltre che nella capacita' di reinventare il lavoro come nel caso dei workers buy out.

Non e' un caso - aggiunge - che su questo fronte il Parlamento Europeo di Strasburgo ha approvato il 'Rapporto di Iniziativa sul ruolo delle cooperative nel superamento della crisi' dove si evidenzia il ruolo che le cooperative hanno svolto, consentendo a molti lavoratori di assumere direttamente, in forma cooperativa, la gestione di aziende in via di chiusura, limitando cosi' le conseguenze occupazionali della crisi''.

''La nostra scommessa - conclude l'alleanza - va sulle nuove frontiere: cooperative di comunita'; professionisti in cooperativa e cooperative di utenza. Abbiamo bisogno di due supporti, uno in Italia, l'altro in Europa. All'Italia chiediamo un rafforzamento nei controlli del dumping e della falsa cooperazione perche' casi singoli non possono e non devono rovinare quanto fanno di buono le cooperative italiane che sono una risorsa del e per il paese. In Europa e all'Europa diciamo di no alle politiche di omogeneizzazione delle forme di impresa. Non si possono fare leggi a taglia unica solo per le societa' di capitali''.

com/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina