martedì 28 febbraio | 11:30
pubblicato il 06/mag/2014 09:03

Conti pubblici: Ue riconosce progressi Italia, ''lenta ripresa''

Conti pubblici: Ue riconosce progressi Italia, ''lenta ripresa''

(ASCA) - Roma, 6 mag 2014 - Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al termine della riunione dell'eurogruppo di ieri, ha fornito rassicurazioni: ''E' stato riconosciuto che il passo e l'intensita' delle riforme in Italia ha accelerato molto, una premessa importante per il parere definitivo che ci sara' a giugno sul processo di riforme e quindi sulla graduale eliminazione degli squilibri eccessivi che, essendo l'Italia un grande Paese, possono avere conseguenze sulla zona euro''.

Perche' e' proprio degli squilibri eccessivi dell'Italia (come anche di alcuni altri Paesi dell'area euro), che si e' parlato ieri a Bruxelles. Squilibri per i quali il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, sostiene sia necessario fare di piu', definendo poi il piano di riforme dell'Italia molto ambizioso e confermando che il governo ha assicurato che rispettera' i patti. Anche il commissario agli Affari economici, Siim Kallas, ha sottolineato l'elevata entita' del nostro debito pubblico, dicendosi poi fiducioso che saranno mantenuti gli impegni di riduzione.

Un clima attendista nel confronti dell'Italia, quello di ieri a Bruxelles, viste anche le previsioni economiche di primavera della Commissione europea che parlano di una ''lenta ripresa'' dopo una ''grave recessione'' nel 2012 e 2013 e di una crescita che si dovrebbe rafforzare nel 2015.

Previsioni che, secondo Padoan, confermano che ''il Paese sta migliorando''.

Quelle di ieri sono state pero' valutazioni di massima, per l'analisi approfondita e il giudizio sulle strategie di finanza pubblica contenute nel Def bisognera' invece attendere il 2 giugno.

Nesuna valutazione e' stata invece ancora formulata sulla decisione del governo di rinviare di un anno, quindi al 2016, il pareggio di bilancio.

Oggi si terra' la riunione dell'Ecofin , nel corso della quale saranno prese decisioni in merito alla tassazione delle rendite finanziarie, titoli e derivati. Il ministro Padoan ha fatto sapere che sulla cosiddetta Tobin tax ieri ci sono stati notevoli progressi e oggi ci sara' l'accordo.

sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Lavoro
Lavoro, Camusso: su data referendum tutto tace
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech