lunedì 23 gennaio | 22:52
pubblicato il 26/giu/2013 08:49

Conti pubblici: Tesoro, perdita 8 mld da derivati anni '90 (Repubblica)

Conti pubblici: Tesoro, perdita 8 mld da derivati anni '90 (Repubblica)

(ASCA) - Roma, 26 giu - Nei conti pubblici italiani c'e' una perdita potenziale da almeno otto miliardi di euro. E' relativa a derivati accesi negli anni Novanta, anche per consentire al nostro Paese di entrare da subito nell'euro, e rinegoziati nel 2012. E' quanto riporta oggi Repubblica che citando ''dati frutto di analisi e rielaborazioni di esperti del settore sulla base del documento che il ministero fornisce con cadenza semestrale alla Corte dei Conti'' rivela di aver potuto consultare quel documento di 29 pagine, di cui oggi da' notizia anche il Financial Times. Secondo una fonte governativa - rivela il quotidiano -, la magistratura contabile ha letto con preoccupazione i numeri, ufficiali ma non pubblici, ricevuti a inizio 2013 e in aprile ha inviato la Guardia di Finanza al dicastero in cerca dei contratti di stipula di quei derivati. Ma finora non li ha ottenuti. Alla richiesta di maggiori dettagli avanzata da Repubblica, il Tesoro non ha rilasciato alcun commento. No comment anche dalla Corte dei Conti e dalla Banca centrale europea presieduta da Mario Draghi, che fu direttore generale del ministero tra il 1991 e il 2001, quando molti di quei contratti furono stipulati. La ristrutturazione dei derivati nel 2012 - ricorda il quotidiano - e' collegata all'esigenza delle banche (una ventina delle solite: le tre grandi italiane, le principali europee e le maggiori d'affari anglosassoni) di ridurre il rischio Italia. In sostanza la crisi ha portato gli istituti specialisti in titoli di stato a presentare il conto dei vecchi derivati. Ed e' qui che emerge una perdita potenziale di 8,1 miliardi. Secondo quanto riporta ancora l'articolo c'e' poi l'anomalia degli swap rinegoziati a un prezzo ''off market'', cioe' con una forte perdita iniziale per l'erario.

Anomalia probabilmente dovuta al fatto che i contratti originari erano in realta' prestiti mascherati che il Tesoro e' oggi costretto a rimborsare a caro prezzo.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4