martedì 28 febbraio | 17:48
pubblicato il 07/lug/2014 20:02

Conti pubblici: Mef, nei primi 5 mesi aumenta gettito Iva

(ASCA) - Roma, 7 lug 2014 - Aumenta il gettito Iva nei primi 5 mesi dell'anno. Lo rende noto il Mef comunicando che tra Gennaio e Maggio le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 150.645 milioni di euro, registrando una crescita tendenziale dell'1,4%.

Tra le imposte indirette segnalano un gettito pari a 75.945 milioni di euro con un incremento del 4,8% (+3.452 milioni di euro), rispetto ai primi cinque mesi dello scorso anno. Si conferma in crescita il gettito IVA che risulta al 3,7% (+1.450 milioni di euro). In particolare oltre al continuo andamento positivo del dato relativo agli scambi interni del 5,3% (+1.782 milioni di euro), si osserva nel mese di maggio una crescita della componente dell'IVA relativa alle importazioni da Paesi extra-UE, dopo oltre un anno, pari a +6,7% (+70 milioni di euro), che compensa il gap e riduce ulteriormente la flessione a 5,9% (-332 milioni di euro) nei primi cinque mesi del 2014, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L'imposta di bollo cresce dell'8,5% (+403 milioni di euro) per effetto dei versamenti affluiti nel mese di aprile a titolo di acconto su quanto dovuto dai contribuenti per l'anno 2015. L'andamento positivo risente inoltre dell'aumento dall'1,5 al 2 per mille dell'imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai prodotti finanziari previsto dalla legge di Stabilita' 2014, dell'eliminazione del limite minimo di 34,20 euro e del contestuale incremento del limite massimo dell'imposta di bollo, passato da 4.500 euro a 14.000 euro.

Tra le altre imposte indirette si segnala l'incremento del gettito dell'accisa sui prodotti energetici, (oli minerali) pari al 9,6% (+831 milioni di euro), principalmente per effetto dell'abolizione della riserva destinata alle regioni a statuto ordinario, che dal mese di dicembre 2013 viene contabilizzata tra le imposte erariali. Positiva la variazione dell'accisa sul gas naturale per combustione (gas metano) del 27,9% (+412 milioni di euro) e l'accisa sull'energia elettrica e addizionali, che segnala un aumento del 22,4% (+213 milioni di euro).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Welfare
Inps: al via nuovo piano assistenza per 30mila non autosufficienti
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech