sabato 03 dicembre | 12:45
pubblicato il 25/mar/2014 17:53

Conti pubblici: Draghi, risanare puntando meno su tasse e piu' su selezione spesa

Conti pubblici: Draghi, risanare puntando meno su tasse e piu' su selezione spesa

(ASCA) - Roma, 25 mar 2014 - La politica fiscale puo' ''sostenere la crescita economica'', in Europa, assicurando che il risanamento dei conti pubblici abbia ''una migliore composizione, meno focalizzata sull'aumento delle tasse e piu' sulla selezione della spesa''. Cosi' il presidente della Bce, Mario Draghi, in un intervento dal titolo ''Una strategia coerente per una crescita sostenuta'' tenuto a Parigi. Per Draghi, inoltre, ''la necessita' di un continuo aumento della produttivita''' del lavoro ''e' stata ampiamente riconosciuta in Europa''. E quindi il numero uno dell'Eurotower ricorda come molti degli obiettivi dell'Agenda di Lisbona lanciati nel 2000 per rendere l'Unione europea l'area ''piu' competitiva e dinamica del mondo'' entro il 2010, seppur non raggiunti restino validi e corretti. Dopo aver ripercorso gli anni della recente crisi dell'Eurozona, Draghi si sofferma sul tallone d'Achille di Eurolandia, la bassa produttivita' che, oltre a pesare sulla competitivita', non consente di accrescere il potenziale di crescita economica, ''che resta la sfida piu' grande''. ''Nell'Eurozona quando pensiamo a come riguadagnare competitivita' non dobbiamo solo pensare su come abbassare i salari in rapporto alla produttivita'. Questa puo' esser considerata una misura di breve termini in alcuni contesti legislativi. Ma e' un gioco a somma zero: alcuni paesi ne beneficiano a spese di altri. Per l'Eurozona la fonte principale di competitivita' deve essere rappresentata da guadagni di produttivita' determinati dagli investimenti e questo e' un gioco a somma positiva. Aumenta il benessere nell'intera Eurozona'', spiega Draghi. Poi, una sottolineatura per scoraggiare fughe in avanti in direzioni sbagliate, ''rispetto a un decennio fa, la differenza oggi e' che una debole produttivita' non puo' piu' essere nascosta aumentando il debito privato o quello del settore pubblico'', sottolinea il presidente della Bce. red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari