sabato 03 dicembre | 12:48
pubblicato il 14/mag/2014 15:45

Conti pubblici: consumatori, per ogni italiano debito di 35.569 euro

Conti pubblici: consumatori, per ogni italiano debito di 35.569 euro

(ASCA) - Roma, 14 mag 2014 - Nuovo record del debito pubblico, che porta per ciascun cittadino italiano un debito di 35.569 euro, ''il premier Renzi partito a fine febbraio con un debito di oltre 2.107 miliardi di euro, termina il primo mese di governo con il debito salito a 2.119, 927 miliardi, con un aumento di 12,770 miliardi ed un maggior carico per i cittadini di 2.142 euro, portando il peso su ogni italiano a 35.569 euro a fine marzo''. A fare i conti dopo i dati diffuso da Bankitalia sono le associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsuamtori. Il governo Monti, in carica da meta' novembre 2011, conclude il suo mandato a fine aprile 2013. La sua azione ha generato un aumento di 128,904 miliardi in 17 mesi, da fine novembre 2011 (1.912,389 miliardi) ad aprile di quest'anno (2.041,293 miliardi, ultimo dato fornito da Bankitalia sull'ammontare del debito pubblico), pari a circa 7,5 miliardi di aumento medio mensile, il peggior risultato rispetto a tutti i governi che l'hanno preceduto dal 1996. Il calcolo preciso imputabile a Mario Monti e' di difficile esecuzione perche' non si e' in possesso del valore del debito a meta' novembre 2011.L'incremento del debito per 128,904 miliardi di euro generato dal governo Monti ha prodotto per i cittadini italiani (59,6 milioni) un aumento del carico pro capite pari a +2.163 euro. Il debito a carico di ciascun cittadino italiano e' pari a 34.250 euro. Il governo Letta, invece partito a fine aprile 2013 con un debito di 2.041,293 miliardi di euro, conclude il suo governo, a fine febbraio 2014, con un debito pubblico salito a 2.107,157, con un aumento in 10 mesi di oltre 48 miliardi, e un maggior carico pro capite per i cittadini di 1.105 euro imputabile alla sua politica. Il debito a carico di ciascun cittadino italiano a fine ottobre e' pari a 35.354 euro''.Per ridare fiato all'economia e speranze ai giovani disoccupati (arrivati al 45% della forza lavoro) ed all'esercito di precari, che devono sacrificarsi per veder rinnovati i contratti trimestrali ad 800 euro al mese, occorre vendere oro e riserve di Bankitalia incassando oltre 100 miliardi di euro, investire in ricerca ed innovazione, disboscare la giungla di costose Autorita', favorire la concorrenza ed un mercato in mano a monopoli, oligopoli e cartelli, approvare un decreto su autoriciclaggio ed anticorruzione, con pene pesanti per corrotti e corruttori, concludono le due associazioni.

com-ram/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari