lunedì 05 dicembre | 17:37
pubblicato il 27/mag/2013 08:52

Conti pubblici: Commissione Ue propone fine procedura deficit eccessivo

Conti pubblici: Commissione Ue propone fine procedura deficit eccessivo

(ASCA) - Bruxelles, 27 mag - Ci sono le condizioni per chiudere la procedura per deficit eccessivo dell'Italia, e la Commissione europea formalizzera' tale richiesta mercoledi', in occasione della presentazione delle raccomandazioni specifiche per paese. La bozza che circola in queste ore a Bruxelles conferma una decisione nell'aria: da tempo voci sempre piu' insistenti volevano la richiesta della chiusura del dossier aperto a carico del nostro paese.

Che la strada fosse in discesa si era gia' capito quando l'esecutivo di Bruxelles aveva presentato le previsioni economiche di primavera: in quell'occasione le proiezioni del deficit per l'Italia erano state date sotto la soglia del 3% del Pil (2,9% per l'anno in corso, 2,4% per il 2013), condizione fondamentale per poter procedere alla chiusura della procedura. In questo modo l'Italia avra' la possibilita' di spendere in investimenti per la crescita. La decisione sara' ufficializzata mercoledi', e le autorita' italiane aspettano quel giorno per esprimersi. Ottimismo contenuto, prevale la linea del 'no comment'. Chi invece non aspetta e' Gianni Pittella (Pd/S&D), vicepresidente del Parlamento europeo.

''L'annuncio della Commissione - sostiene - da' maggiore forza al nostro governo per chiedere una revisione nell'applicazione del fiscal compact'', vale a dire il patto di bilancio europeo. Tale patto, continua Pittella, ''non dovra' tenere conto nel calcolo del deficit degli investimenti destinati a creare occupazione'', nel rispetto di quella 'golden rule' o 'regola aurea' su cui tanto ha insistito il governo Monti negli scorsi mesi.

Se tutto va bene l'Italia dovrebbe vedersi chiudere la procedura prima della pausa estiva: la richiesta necessita dell'approvazione del consiglio Ecofin, e le riunioni utili dei ministri dell'Economia e delle Finanze dei Ventisette sono in programma il 21 giugno il 9 luglio.

Per l'Italia resteranno comunque i 'compiti a casa'. Nella bozza di documento contenente raccomandazioni che saranno formalizzate mercoledi', si richiede al nostro paese di continuare sulla via delle riforme e con le politiche di risanamento dei conti pubblici. Si chiede quindi di rendere piu' efficiente la pubblica amministrazione, alleggerire la pressione fiscale per le imprese, intervenire sul mercato del lavoro lasciando piu' spazio alla contrattazione aziendale, e aprire a maggiore concorrenza il mercato nazionale dei servizi. Infine si richiedono alle autorita' italiane misure per rendere piu' efficiente il sistema bancario.

bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari