domenica 04 dicembre | 19:20
pubblicato il 09/ott/2013 16:04

Conti pubblici: Codacons, no ulteriori accise o battaglia civile

(ASCA) - Roma, 9 ott - Il Codacons esprime ''soddisfazione per la smentita da parte del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, all'ipotesi di introdurre con la manovra sulla correzione del deficit un maxi aumento delle accise sui carburanti''. L'associazione, tuttavia, ''mantiene alta la guardia e avvisa il Governo: in caso di ripensamenti e di introduzione di ulteriori accise sulla benzina, sara' battaglia civile da parte dei consumatori italiani, che metteranno in atto misure estreme per contrastare qualsiasi tassazione sui carburanti''.

''La totale follia che contraddistingue il maxi-aumento delle accise inizialmente pensato, sta nei numeri di tale provvedimento - spiega il presidente Carlo Rienzi in una nota - 6,5 centesimi in piu' sui carburanti con effetto immediato avrebbero rappresentato un maggior esborso pari a 3,2 euro per un pieno, con un aggravio di spesa, solo negli ultimi tre mesi del 2013, di 19,5 euro ad automobilista. Il Governo farebbe bene a dimenticare per sempre la possibilita' di intervenire sulle accise, perche' stavolta i cittadini italiani reagirebbero in modo drastico e con ripercussioni pesantissime per l'economia nazionale e la salute dei conti pubblici''.

com-drc/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari