mercoledì 18 gennaio | 05:17
pubblicato il 10/dic/2013 10:46

Conti pubblici: Cnel, ok deficit/Pil ma non abbassare la guardia

(ASCA) - Roma, 10 dic - La chiusura della procedura di infrazione aperta nel 2009 nei confronti dell'Italia, avvenuta nel mese di giugno 2013, ''pur essendo un prerequisito fondamentale per andare avanti, non deve far abbassare la guardia. Anche nel 2013 si resta molto vicini al limite massimo'', con un rapporto deficit/Pil al 2,9%.

Lo rileva il Cnel nella Relazione Annuale 2013, dove invita Governo e Parlamento alla massima attenzione: la somma per finanziare cassa integrazione, missioni internazionali, esodati, aumento Iva e modifica Imu ''sale giorno dopo giorno e ha gia' superato i 10 miliardi di euro''. Inoltre, vanno monitorati ''una possibile (de)crescita nel 2013 maggiore di quella fino ad oggi ipotizzata (+2,0%, secondo l'Istat); e un debito pubblico che, al lordo dei sostegni, ha sfondato per la prima volta la soglia del 130% del Pil (130,4) alla fine di giugno 2013''.

drc/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa