lunedì 05 dicembre | 03:57
pubblicato il 26/nov/2011 14:04

Conti pubblici/ Cgia: In dodici anni manovre per 575 miliardi

Il costo sobbarcato da ogni italiano è di 6.178 euro

Conti pubblici/ Cgia: In dodici anni manovre per 575 miliardi

Roma, 26 nov. (askanews) - "Per migliorare la situazione dei nostri conti pubblici, negli ultimi 12 anni abbiamo subito 19 manovre correttive. Se aggiungiamo anche quella che si appresta a fare nei prossimi giorni il Governo Monti, la dimensione economica complessiva di queste 20 finanziarie ammonta a 575,5 miliardi di euro". Lo dice Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, l'associazione delle piccole e medie aziende artigiane. "Se invece analizziamo gli effetti economici complessivi che gravano sulle tasche dei cittadini - prosegue - nel periodo compreso tra il 2000 e il 2014, anno quest'ultimo in cui dovrebbero terminare gli effetti delle misure economiche prese in quest'ultima legislatura, ciascun italiano al fine di correggere il nostro deficit pubblico si sarà sobbarcato un costo totale di 6.178 euro". "Nei prossimi anni - conclude Bortolussi - le cose non miglioreranno di molto. Anzi, nel 2013, anno in cui è previsto il pareggio di bilancio, la dimensione delle misure prese in questi ultimi anni raggiungerà il livello record di 84 miliardi di euro per un costo, finalizzato a migliorare la correzione del deficit, pari a 1.302 euro pro capite".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari