martedì 17 gennaio | 12:46
pubblicato il 10/giu/2011 12:47

Conti pubblici/ Bankitalia: No alternative a percorso governo

Saccomanni: Insieme risanamento e sviluppo, tagli spesa selettivi

Conti pubblici/ Bankitalia: No alternative a percorso governo

Roma, 10 giu. (askanews) - Occorre conciliare il risanamento delle finanze pubbliche e lo sviluppo perchè il primo non va a detrimento della crescita. Il governo intende fondare il consolidamento di bilancio sul contenimento della spesa: si tratta di un percorso "ambizioso" che richiede un "ampio consenso politico e un grande sforzo tecnico", ma "non vi sono percorsi alternativi". E' quanto ha affermato il direttore generale della Banca d'Italia, Fabrizio Saccomanni, nel suo intervento dal titolo 'La crescita ai tempi del consolidamento fiscale' in occasione della presentazione del rapporto sull'economia della Toscana. Secondo Saccomanni è opportuno procedere con "tagli selettivi" da individuare "sulla base di analisi approfondite dei meccanismo che regolano le singole voci di spesa, studiandone le procedure, le norme, le consuetudini. Queste analisi - ha ricordato - prendono il nome di spending review".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Auto, nel 2016 vendite in Europa +6,5% oltre i 15 milioni
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate