giovedì 08 dicembre | 21:04
pubblicato il 14/apr/2014 13:59

Conti pubblici: Adusbef, per calo debito vendere riserve Bankitalia

(ASCA) - Roma, 14 apr 2014 - Il governo deve mettere a punto misure per la riduzione del debito pubblico e la vendita di oro e riserve Bankitalia. Lo dice un comunicato delle associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori. ''Il governo Letta, partito a fine aprile 2013 con un debito di 2.041,293 miliardi di euro, conclude il suo governo, a fine febbraio 2014, con un debito pubblico salito a 2.107.157, con un aumento in 10 mesi di oltre 65 miliardi, e un maggior carico pro capite per i cittadini di 1.105 euro imputabile alla sua politica'', si legge. ''Il debito a carico di ciascun cittadino italiano a fine ottobre e' pari a 35.354 euro. Per valutare la tendenza di ogni governo all'aumento del debito pubblico, Adusbef prende in considerazione il livello del debito alla data delle dimissioni e lo ha sottratto al livello di debito alla data del suo insediamento. Ha quindi diviso questa differenza per la durata del governo espressa in mesi. Il governo Monti, in carica da meta' novembre 2011, conclude il suo mandato a fine aprile 2013. La sua azione ha generato un aumento di 128,904 miliardi in 17 mesi, da fine novembre 2011 ( 1.912,389 miliardi) ad aprile (2.041,293 miliardi), pari a circa 7,5 miliardi di aumento medio mensile, il peggior risultato rispetto a tutti i governi che l'hanno preceduto dal 1996. L'incremento del debito per 128,904 miliardi di euro generato dal governo Monti ha prodotto per i cittadini italiani (59,6 milioni) un aumento del carico pro capite pari a +2.163 euro. Il debito a carico di ciascun cittadino italiano pari a 34.250 euro.

L'ultimo governo Berlusconi, durato in carica 42 mesi dal maggio 2008 all'ottobre 2011, ha generato un aumento del debito di 261,665 miliardi (da 1.654,737 a 1916,402 miliardi), pari a 6,230 miliardi aumento medio mensile.

L'incremento del debito per oltre 261 miliardi di euro generato dal governo Berlusconi ha prodotto per i cittadini italiani un aumento del carico pro capite pari a + 4.390 euro. Con Berlusconi, il debito pro capite a fine mandato era pari a 32.154 euro'', prosegue il comunicato congiunto..

Adusbef e Federconsumatori ''aspettano alla prova il Governo Renzi, obbligato dai Trattati Ue e dal Fiscal Compact a praticare robuste politiche di riduzione del debito, con l'auspicio che possa mettere all'ordine del giorno la vendita di oro e riserve di Bankitalia, analogamente a cio' che hanno gia' attuato tutti gli altri paesi dell'area euro''.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni