lunedì 23 gennaio | 16:08
pubblicato il 05/nov/2013 17:26

Consumi: Ing Direct, risale indice benessere finanziario famiglie

(ASCA) - Roma, 5 nov - Il comfort finanziario percepito dalle famiglie italiane mostra in autunno un segnale di ripresa, dopo il minimo storico toccato la scorsa primavera. L'ultima rilevazione dell'Indice di Benessere Finanziario (IBF) ING DIRECT arriva infatti a 41,2 punti, in leggera risalita rispetto ai 40,8 punti dello scorso trimestre. L'Indice di Benessere Finanziario (IBF) ING DIRECT - si legge in una nota -, e' l'indicatore sintetico che misura il benessere (o comfort) percepito in relazione alle sei dimensioni della finanza personale (risparmio, reddito, bollette e spese, investimenti, debito a lungo termine e a breve termine). La dimensione piu' positiva e' quella relativa agli investimenti che mostra un miglioramento, risalendo da 54,2 punti a 55,3, un dato coerente con la relativa stabilita' dei mercati finanziari della scorsa estate. Si conferma ai minimi storici invece la dimensione del risparmio, a quota 37,8 punti, sostanzialmente stabile rispetto alla scorsa primavera. La preoccupazione sul fronte dei risparmi si lega alle dimensioni del livello di reddito e del pagamento delle bollette, sostanzialmente ferme ai minimi registrati negli oltre due anni di rilevazione dell'IBF (rispettivamente a quota 42 e 43,5). In diminuzione, invece, la soddisfazione sull'indebitamento a lungo termine, corrispondente ai mutui, che perde 2,5 punti passando da un IBF di 39,3 della scorsa primavera agli attuali 36,8 e raggiunge il minimo storico nei due anni di rilevazione dell'Indice. Questo dato trova riscontro anche nell'ultima Indagine Internazionale ING su Mutui e Case, condotta a livello europeo su oltre 10.000 risparmiatori, secondo la quale il 46% degli italiani trova difficile pagare la rata mensile di mutuo o affitto, seconda percentuale piu' alta d'Europa dopo la Spagna. Inoltre l'indagine vede un aumento degli italiani che si aspettano un calo dei prezzi delle abitazioni nel prossimo futuro (il 37,8% se lo aspetta, rispetto al 27% media europea e al 30% dello scorso anno). '' '' ''L'attuale livello dell'IBF - commenta Paolo Pizzoli, Senior Economist ING - corrisponde a una moderata insoddisfazione degli italiani verso la propria situazione finanziaria ed e' coerente all'attuale contesto economico, caratterizzato da difficolta' sul fronte del mercato del lavoro, alto tasso di disoccupazione in primis, e da un'economia che sta iniziando solo ora a prospettare qualche segno di lieve miglioramento''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4