giovedì 08 dicembre | 15:09
pubblicato il 06/mar/2014 11:51

Consumi: Cgil, calo destinato a peggiorare nel 2014 e 2015

(ASCA) - Roma, 6 mar 2014 - Il calo dei consumi, senza interventi di carattere fiscale a favore di lavoratori e pensionati, e' destinato non solo a continuare, ma addirittura a peggiorare. E' quanto emerge da una nota elaborata dall'Associazione Bruno Trentin e dal CER (Centro Europa Ricerche).

''Dalla nota si evince - sottolinea il presidente dall'Associazione Bruno Trentin, Fulvio Fammoni - che a fine 2013 la riduzione cumulata del potere di acquisto, rispetto al 2007, ha raggiunto l'11% e che per il biennio 2014-15 si prevede un'ulteriore flessione dell'1%. Solo nel 2016, questa caduta si attenuerebbe, ma non per tutti. L'attenuazione della fase di caduta sarebbe, infatti, determinata da un recupero dei redditi da capitale, mentre i redditi da lavoro e da pensione continuerebbero a ridursi in termini reali''. ''Questi andamenti - prosegue Fammoni - hanno effetti diseguali, colpendo in misura piu' accentuata le famiglie che hanno una propensione al consumo piu' elevata, che hanno cioe' minore capacita' di risparmio e devono destinare alle spese non voluttuarie una quota piu' elevata dei propri introiti. Piu' esposte risultano, dunque, essere le tipologie familiari con redditi piu' bassi: le famiglie di operai, di impiegati, di pensionati, ma ormai anche di molti lavoratori autonomi, tutte ormai con propensione al consumo superiore all'80 per cento''. La nota di analisi predisposta dall'Associazione Bruno Trentin e dal CER, partendo dal reddito medio di un operaio dipendente e dalla propensione al consumo rilevati per il 2012 dall'ultima Indagine della Banca d'Italia (rispettivamente 24.158 euro e 89,3%), stima una contrazione dei consumi delle famiglie operaie di 212 euro nel 2014 e di 404 euro nel biennio 2015-2016. In termini cumulati, le famiglie operaie subirebbero una perdita di consumo di 616 euro, pari al 2,6% del reddito disponibile. Andamenti analoghi possono essere prospettati per le famiglie con reddito prevalente dal lavoro impiegatizio dove si registrerebbero riduzioni dei consumi di 288 euro nel 2014 e di 548 euro nel biennio 2015-2016. Complessivamente, la riduzione di spesa ammonterebbe a 837 euro (2,4% del reddito disponibile).

''Sulla base di questi dati e degli andamenti descritti, se ne deve concludere - afferma Danilo Barbi, segretario nazionale della Cgil con la delega su fisco e politiche macroeconomiche, che la debole ripresa dell'economia prevista non si riflettera' sulle capacita' di spesa delle famiglie italiane che hanno la loro principale fonte di reddito nel lavoro dipendente''. ''In un paese manifatturiero come l'Italia, che produce in modo prevalente per il mercato interno, questo significa - sottolinea il dirigente sindacale - non solo un peggioramento per la gia' drammatica condizione delle famiglie ma un ulteriore effetto negativo per le dinamiche della produzione e quindi della crescita''.

''Per questo - conclude Barbi - il Governo deve porre immediato rimedio attraverso concreti interventi di natura fiscale che possano restituire potere d'acquisto alle famiglie e favorire, per questa via, anche una ripresa piu' accentuata dell'intera economia''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni