domenica 04 dicembre | 07:52
pubblicato il 24/lug/2014 11:15

Consumatori: Istat, a luglio fiducia scende a 104,6. Minimo 4 mesi

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - Nel mese di luglio l'indice di fiducia dei consumatori italiani e' sceso a 104,6 punti dai 105,6 di giugno. Lo comunica l'Istat. Si tratta del minimo dei 4 mesi.

I giudizi dei consumatori sulla situazione economica del Paese non variano rispetto al mese precedente (-78 il saldo).

Le attese sulla situazione economica peggiorano, con il saldo che passa a 6 da 10. Aumenta, infatti, per questa variabile, la percentuale di coloro che si attendono una situazione futura che ''peggiorera' lievemente'', al 14,1% dal 13,0%, e ''peggiorera' molto'' all'11,1% dal 10,2% del mese precedente. Il saldo che esprime le attese di disoccupazione e' in aumento (a 53 da 50). Nel dettaglio peggiorano leggermente anche un' altra serie di giudizi, quello sulla situazione economica delle famiglie presente e futura, sulle opportunita' di risparmio, sull'acquisto di beni durevoli.

I consumatori giudicano l'andamento recente dei prezzi al consumo in aumento (il saldo passa a 9 da 4). Il saldo delle attese sull'andamento dei prezzi migliora lievemente a -25 da -26 del mese precedente. A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-ovest e diminuisce nel resto delle ripartizioni.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari