mercoledì 25 gennaio | 01:09
pubblicato il 17/mar/2016 16:46

Confindustria,il programma di Boccia. 8 fattori per competitività

Relazioni industriali prima leva di competitività

Confindustria,il programma di Boccia. 8 fattori per competitività

Roma, 17 mar. (askanews) - Rilanciare la "vocazione industriale" dell'Italia agendo su otto fattori di competitività. E' questa la linea indicata da Vincenzo Boccia, candidato in corsa per la presidenza di Confindustria, ai 198 membri del Consiglio generale.

Prima leva di competitività sono le relazioni industriali. Per Boccia "con il Jobs act il governo ha aperto la strada al superamento del mercato del lavoro rigido e dualistico". Ora "spetta a noi ora la grande responsabilità di completare la riforma con un assetto di relazioni industriali adeguato alle sfide competitive che abbiamo di fronte". Il livello aziendale di contrattazione, ad eccezione del comparto delle costruzioni, deve diventare cruciale mentre quello nazionale "può ancora servire a definire le tutele fondamentali del lavoro".

Seconda questione, il credito e la finanza per la crescita e le reti d'impresa. Occorre "costruire una finanza al servizio delle imprese".

Terzo fattore di competitività è la riforma dello Stato, "la riforma delle riforme per sbloccare il Paese". Occhi puntati, in primis, sul capitolo delle semplificazioni sulle quali si avanza "troppo adagio".

Quarto punto la questione fiscale. A giudizio di Boccia "il nostro sistema resta oppressivo" e "continuiamo a pagare non solo troppe tasse ma anche cattive tasse". Bisogna abdare verso una "drastica semplificazione".

La questione energetica è il quinto nodo da affrontare per rilanciare il Paese. Vi sono "ampi spazi su cui intervenire per ridurre il costo dell'energia e rimuovere le barriere che limitano la libera circolazione dell'energia a livello europeo".

Cruciale è poi, come sesto fattore, il capitale umano. "Non possiamo pensare di affrontare le sfide tecnologiche del futuro senza avere le competenze tecniche".

Internazionalizzazione e Sud sono le ultime due leve di competitività. Valorizzare il made in Italy nel mondo, secondo Boccia, "deve essere per noi una missione". Quanto al Mezzogiorno, "non ha bisogno di politiche speciali ma di politiche più intense".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4