mercoledì 18 gennaio | 09:45
pubblicato il 23/mag/2013 13:16

Confindustria: Squinzi, Nord sull'orlo del baratro

Confindustria: Squinzi, Nord sull'orlo del baratro

(ASCA) - Roma, 23 mag - ''Il nord e' sull'orlo di un baratro economico che trascinerebbe tutto il Paese indietro di mezzo secolo, escludendolo dal contesto europeo che conta''. Cosi', il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nell'intervento all'Assemblea pubblica in corso a Roma. ''Abbiamo vissuto i dodici mesi trascorsi dalla mia prima assemblea con ansia e preoccupazione, a tratti con angoscia per le sorti del nostro Paese. Con il passare delle settimane si e' quasi perso il senso di futuro, di speranza, materia prima vitale per tutti''. ''Come cittadini e come imprenditori - aggiunge il presidente di Viale dell'Astronomia - rivolgiamo un accorato appello al presidente del Consiglio'' Enrico Letta per la ''modernizzazione del Paese: le riforme non sono piu' rinviabili, inclusa la legge elettorale. Ne serve una che assicuri legislature piene e stabilita' governativa''. ''Senza interventi decisi e concreti la crescita del Paese non superera' per molto tempo lo 0,5% annuo, del tutto insufficiente - aggiunge Squinzi - a creare lavoro e a risollevare i destini di tantissime imprese''. ''L'obiettivo'' del Governo, dice ancora il presidente di Confindustria, ''deve essere uno solo: tornare a crescere''. ''Per noi imprese, per le famiglie, per i nostri giovani, e' inquietante'', ha aggiunto Squinzi. Nel suo intervento il premier Enrico Letta agli imprenditori assicura: ''Siamo dalla stessa parte. La politica ha capito la lezione, seppur tardi, che deve essere la prima a dare l'esempio se chiede sacrifici. Molte imprese - dice Letta - vivono uno stato di oppressione fiscale e ieri attorno a questi temi abbiamo discusso''. ''Ridare slancio e forza a un'industria che sia piu' in grado di stare nel campo dell'internazionalizzazione. Si vince se siamo sul mercato globale e avete dimostrato che si possono raggiungere risultati importanti''. Lo afferma il premier Enrico Letta nel suo intervenendo all'assemblea. Il Governo intende ridurre la soglia per la defiscalizzazione delle opere infrastrutturali da 500 milioni a 50 milioni di euro. E' l'annuncio che fa il ministro per lo Sviluppo economico, Flavio Zanonato. '''Vogliamo rafforzarla - dice -. Oggi questa misura si applica agli investimenti superiori ai 500 milioni di euro. Interessa quindi pochissine opere (non arriveranno a 10). Coi ministri Lupi e Saccomannni vogliamo ridurre la soglia dimensionale, portandola a 50 milioni. Questo si puo' fare senza alcun aggravio sui conti pubblici, consentendo di allargare in modo sensibile la platea delle opere potenzialmente beneficiate''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa